Pakistan: bambina di sei anni violentata e uccisa

0
Pakistan.

Pakistan. Una bimba pakistana di sei anni è stata stuprata e uccisa sabato scorso nella provincia nordoccidentale di Khyber Pakhtunkhwa, nel distretto di Nowshera. A riferirlo la polizia, secondo cui la bimba era scomparsa da casa e parenti e vicini avevano iniziato a cercarla. Due ore dopo, il suo corpo con evidenti segni di sevizie è stato trovato chiuso in un sacco.

Una bambina pakistana di sei anni è stata stuprata e uccisa sabato scorso nella provincia nordoccidentale di Khyber Pakhtunkhwa, nel distretto di Nowshera. A riferirlo la polizia, secondo cui la bimba era scomparsa da casa e parenti e vicini avevano iniziato a cercarla. Due ore dopo, il suo corpo con evidenti segni di sevizie è stato trovato chiuso in un sacco in un allevamento di polli abbandonato a circa 100 metri dalla sua abitazione.

Le squadre di polizia hanno perquisito le case vicine e hanno trovato i vestiti macchiati di sangue del presunto stupratore, arrestato. Si tratta di un ragazzo di 18 anni, vicino della famiglia della bambina. Avrebbe confessato il suo crimine rivelando di aver assassinato la piccola per paura che lei raccontasse a tutti la violenza subita. Non si tratta purtroppo di un caso isolato nel distretto di Nowshera. All’inizio di gennaio un’altra bimba di sette anni era stata abusata e uccisa da due giovani e nel dicembre 2018, Manahil, un’altra bambina di otto anni, è stata rapita e uccisa a Nowshera. La polizia aveva arrestato tutti gli stupratori, attualmente sotto processo.

Nei mesi scorsi – intorno ai primi giorni di aprile – nella provincia di Punjab una bimba di sette anni è stata stuprata e poi uccisa. Un portavoce delle forze dell’ordine ha confermato: “I primi rilievi suggeriscono che la piccola è stata violentata e poi strangolata. Il suo cadavere presenta numerosi lividi e l’autore del delitto le ha anche amputato un braccio”.

 

Articolo PrecedenteAlla ricerca del piccolo Gioele Mondello: “Fa caldissimo, è massacrante e non abbiamo trovato nulla”
Prossimo ArticoloModica, bimbo morto con lividi sul corpo: fermata anche la madre, dopo il convivente
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.