Tentato suicidio nella tratta ferroviaria che collega Padova a Mestre all’altezza della stazione di Busa di Vigonza: una ragazza, di cui non si conosce l’identità, si è distesa sui binari e quando il treno regionale è passato le ha tranciato le gambe. Trasferita d’urgenza in ospedale, lotta tra la vita e la morte. Disagi alla circolazione, con i treni che hanno subito ritardi fino a 3 ore.

Si è distesa sui binari nel disperato tentativo di togliersi la vita, ma quando il treno è passato a tutta velocità le ha amputato le gambe, lasciandola in condizioni critiche. È successo all’alba di questa mattina a Vigonza, in provincia di Padova: la giovane, di cui non è stata resa nota l’identità e che non aveva con sé i documenti al momento dell’incidente, si trovava nella tratta che collega Padova a Mestre all’altezza della stazione di Busa di Vigonza, ha aspettato che arrivasse da Mestre il treno regionale 2223 di Trenitalia, con a bordo una quarantina di persone, delle 6 ed è stata travolta. L’impatto è stato talmente violento che la vettura le ha tranciato le gambe. Trasferita d’urgenza in ospedale, dove è arrivata in condizioni disperate, i medici stanno facendo tutto il possibile per cercare di salvarla. Disagi anche alla circolazione ferroviaria, che è rimasta ferma per almeno un’ora per poter permettere ai soccorsi di intervenire e portare in salvo la ragazza. Il che ha provocato ritardi per circa 2 ore sull’intera tratta. Nello specifico, intorno alle 9 il traffico è tornato alla normalità. Sette Frecce, 2 treni Italo, un Intercity e 9 regionali hanno subito ritardi da 10 a 30 minuti, 4 regionali sono stati limitati e altri due cancellati.