Padova, bimbo di 5 anni rapito dal padre. La mamma: “Mi hanno strappato David dalle mani”

0
Padova, bimbo di 5 anni rapito dal padre. La mamma.

Padova, bimbo di 5 anni rapito dal padre. La mamma. Un bambino di 5 anni, a Padova, è stato rapito dal padre mentre andava a scuola. La madre anni fa, a seguito di un precedente sequestro avvenuto quando vivevano in Romania, per mano sempre dell’ex compagno, ha ottenuto l’affidamento esclusivo di David. I carabinieri: “La donna è venuta da noi sotto shock. Stiamo facendo il possibile”.

David è un bambino di cinque anni e ieri è stato rapito a Padova da una banda di quattro persone tra cui il padre. La madre, che era con lui, sotto shock ha denunciato l’accaduto ai carabinieri, che hanno confermato i fatti: “Il mio ex compagno ha portato via il mio bambino, come tre anni fa”.

Il bambino portato via su un furgone a Padova
Alexandra Moraru ha 26 anni, origini moldave ed è la mamma del piccolo David, rapito dal padre. È successo a Padova intorno alle 8 di ieri, 5 ottobre. La donna ha raccontato di aver accompagnato il figlio a scuola nel quartiere San Lazzaro. Nel tragitto che percorre sempre a piedi, è stata fermata da una banda di quattro uomini a viso scoperto, tra cui ha riconosciuto il padre del bambino, che è l’ex compagno. Bogdan, questo il nome dell’uomo, le ha strappato il figlio dalle mani, mentre due dei suoi complici hanno bloccato Alexandra, impedendole di reagire e lasciandola per terra. In un paio di minuti il bambino non c’era più. È salito su un furgone nero insieme al padre e agli altri tre e da allora non si hanno più sue tracce. La donna è stata portata in ospedale per precauzione, perché i due che l’hanno trattenuta, non le hanno causato alcuna lesione. Alexandra, visibilmente sotto shock, prima di condividere la notizia con degli appelli sui social, ha denunciato l’accaduto ai carabinieri di Padova. Il colonnello Giovanni Blasuting: “La signora era molto scossa quando è arrivata da noi. Le hanno portato via il bambino in un blitz”.

La donna ha raccontato che non è la prima volta. Stando a quanto ha dichiarato ieri ai carabinieri, l’uomo tre anni fa ha fatto la stessa cosa, mentre la coppia viveva in Romania. Alexandra ha cercato il figlio per otto mesi prima che la polizia lo ritrovasse a Bucarest. In quell’occasione Bogdan ha minacciato di buttarsi dal terrazzo col figlio in braccio. Poi la vicenda è approdata nelle aule del tribunale romeno e il giudice ha deciso di affidare David solo a lei, in via esclusiva. Per l’uomo, dallo scorso settembre è iniziato un divieto di avvicinamento, reso ancora più efficace dal fatto che mamma e figlio si sono trasferiti in Italia, cercando un po’ di pace vicino al cugino Gheorge e alla nonna materna. La sensazione di Alexandra negli ultimi giorni è stata quella di essere sorvegliata. I due ex, infatti, non hanno più intrattenuto rapporti, eppure la donna ha dichiarato ai carabinieri che nei giorni precedenti al sequestro di suo figlio si è accorta di una donna che l’ha tenuta d’occhio, che ha studiato i suoi movimenti, si è appostata vicino casa. Ieri, però, al momento del rapimento, questa non c’era.

I carabinieri: “Stiamo facendo il possibile per trovare David”
Oggi è il giorno delle ricerche, della caccia all’uomo. I carabinieri di Padova avrebbero già rintracciato il luogo in cui i quattro uomini hanno riposato la notte prima del rapimento, ma c’è riserbo sulle indagini. L’uomo potrebbe avere lasciato già l’Italia a bordo del furgone. “Anche se il padre di David fosse tornato in Romania – ha detto il colonnello Blasuting – il procedimento rimarrebbe in carico a noi perché il reato di sequestro di persona si è verificato in Italia. Comunque stiamo facendo tutto il possibile ed è già stata attivata la collaborazione tra autorità straniere, essendo un fatto transnazionale”.

Padova, bimbo di 5 anni rapito dal padre. La mamma.

Articolo PrecedenteBatterio killer in ospedale a Verona, 89 neonati morti o con gravi conseguenze: sette indagati
Prossimo ArticoloAbbiamo causato l’estinzione di altre 23 specie: addio anche al magnifico picchio dal becco d’avorio
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.