Orrore in Germania, 5 bambini morti in casa a Solingen. Cinque bambini sono stati trovati morti in un appartamento a Solingen, in Germania. A dare l’allarme la nonna dei piccoli dopo aver ricevuto la telefonata di sua figlia. La ventisettenne le avrebbe annunciato di aver ucciso i bambini e di volersi uccidere. Rintracciata alla stazione, ha cercato di togliersi la vita lanciandosi sotto un treno. È grave. Sopravvissuto il sesto figlio di 11 anni.

Scioccante scoperta in un quartiere residenziale della cittadina di a Solingen, nel Nordreno-Vestfalia, in Germania.  Cinque bambini sono stati trovati morti in un appartamento di un condominio in Hasselstrasse. Secondo il quotidiano ‘Bild’, ad allertare i soccorsi sarebbe stata la nonna dei bimbi, di uno, due tre e sei anni di età, riferendo agli agenti che a ucciderli sarebbe stata la madre, sua figlia, di ventisette anni. Illeso il sesto figlio della donna, che si trova con la nonna. I cinque bambini sono stati trovati morti al terzo piano di una casa multifamiliare nel quartiere di Hasseldelle a Solingen, città di centosessantamila abitanti.

La ventisettenne, secondo quanto riporta Bild, avrebbe chiamato la madre dopo la strage dicendole che sarebbe andata a uccidersi lanciandosi sotto il treno. La donna è stata rintracciata dalla polizia alla stazione principale di Düsseldorf, dove avrebbe cercato di uccidersi lanciandosi sotto un treno. È sopravvissuta, ma è ferita e ora si trova in ospedale sorvegliata dalla polizia. Al momento non è possibile parlare con lei e la polizia precisa che sulle cause della morte dei cinque bambini non si potrà dire nulla finché la donna non potrà essere interrogata.

“Le indagini sono in corso e non posso aggiungere nulla” ha detto il portavoce della polizia di Wupperthal all’ANSA, confermando la notizia. “I corpi senza vita sono stati rinvenuti in una casa privata in Hasselstrasse a Solingen”, ha aggiunto. La polizia non ha dato risposte, per ora, sul contesto in cui le morti sono avvenute. L’operazione di polizia a Solingen con 40 investigatori è ancora in corso; la squadra forense è sul posto.