Orrore in Afghanistan, i talebani impiccano cadavere alla gru per esporlo in pubblico come monito

0
Orrore in Afghanistan, i talebani impiccano cadavere alla gru per esporlo in pubblico come monito.

Orrore in Afghanistan, i talebani impiccano cadavere alla gru per esporlo in pubblico come monito. La terribile scena ad Herat dove la stessa sorte è toccata ad altri tre uomini uccisi dalle milizie talebane durante un presunto rapimento. Addosso i talebani gli hanno messo anche un cartello di avvertimento e monito per chi commette reati. L’episodio Arriva ad appena pochi giorni dall’annuncio da parte dei talebani del ripristino delle esecuzioni dei condannati per omicidio e delle amputazioni delle mani e dei piedi dei condannati per furto.

La terribile scena ad Herat dove la stessa sorte è toccata ad altri tre uomini uccisi dalle milizie talebane durante un presunto rapimento. Addosso i talebani gli hanno messo anche un cartello di avvertimento e monito per chi commette reati. L’episodio Arriva ad appena pochi giorni dall’annuncio da parte dei talebani del ripristino delle esecuzioni dei condannati per omicidio e delle amputazioni delle mani e dei piedi dei condannati per furto.

Nei filmati si vede un uomo già morto che viene issato su una gru in alto ed esposto in piazza. Addosso i talebani gli hanno messo anche un cartello di avvertimento e monito per chi commette reati. Secondo un testimone oculare interpellato dalla Associated Press, sono quattro i corpi portati dalle milizie talebane nella piazza principale di Herat e mentre uno è stato issato sul posto, gli altri tre cadaveri sono stati spostati in altre parti della città per essere esposti al pubblico allo stesso modo. Wazir Ahmad Seddiqi, che gestisce una farmacia sul lato della piazza, ha riferito che i talebani hanno annunciato in piazza che i quattro sono stati catturati mentre partecipavano a un rapimento e sono stati uccisi dalla polizia.

Un capo della polizia locale nominato dai talebani a Herat ha riferito che i quattro avrebbero tentato di rapire un padre e un figlio e che avrebbero ferito alcune persone durante la fuga prima di essere uccisi durante un conflitto a fuoco con le milizie talebane. Sui cadaveri degli uomini, i Talebani hanno messo un cartello di avvertimento che recitava: “Chiunque oserà rapire qualcuno verrà punito in questo modo

La terribile scena, che segna un ritorno ad alcuni dei più macabri metodi di gestione del potere e dell’ordine pubblico da parte dei talebani, arriva ad appena pochi giorni dall’annuncio da parte dei talebani del ripristino delle esecuzioni dei condannati per omicidio e delle amputazioni delle mani e dei piedi dei condannati per furto.  “Tutti ci hanno criticato per le punizioni allo stadio, Noi non abbiamo mai detto nulla sulle leggi e le punizioni degli altri e nessuno ci dirà quali dovrebbero essere le nostre leggi. Seguiremo l’Islam e faremo le nostre leggi secondo il Corano”, ha dichiarato Nooruddin Turabi, uno dei fondatori dell’organizzazione.

 

Articolo PrecedenteUccise l’ex compagna con 30 coltellate: tenta il suicidio in carcere soffocandosi con dei calzini
Prossimo ArticoloOrrore in India, 15enne stuprata per giorni da decine di uomini: 29 arrestati
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.