Orrore a Nola. Un 29enne è stato arrestato nel cuore della notte a Nola: rientrato a casa ubriaco, il giovane ha prima offeso, poi picchiato ed infine tentato di violentare la madre di 48 anni, che però è riuscita a chiamare il 112. Per lui ora si sono aperte le porte di Poggioreale: deve rispondere di tentata violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia e lesioni.

Un giovane di 29 anni è stato arrestato dai carabinieri di Nola dopo che aveva picchiato e tentato di abusare sessualmente della madre 48enne. Il ragazzo, che era tornato a casa ubriaco, è stato quindi arrestato per tentata violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia e lesioni: trasferito nel carcere di Poggioreale, resta ora a disposizione dell’autorità giudiziaria in attesa di giudizio. I carabinieri sono intervenuti in casa della donna dopo che lei stessa era riuscita a chiamare il 112, quando il figlio era rientrato in casa e aveva iniziato ad aggredirla a più riprese, in preda anche al delirio alcolico.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, il ventinovenne appena tornato a casa aveva preso ad ingiuriare ed offendere la madre, quarantottenne di origine rumena, iniziando anche a colpirla tanto da procurarle evidenti lesioni anche ossee. Non solo: il giovane aveva anche tentato di abusare sessualmente di lei, fin quando la donna non è riuscita a chiamare i soccorsi. Giunti sul posto nel cuore della notte, i carabinieri sono riusciti a fermare il giovane e bloccarlo. In fase di denuncia, la donna ha raccontato di aver subito già in passato altri episodi di aggressioni e vessazioni psicologiche da parte del figlio, ma che tuttavia non lo aveva mai denunciato. Il giovane, risultato già noto alle forze dell’ordine per reati specifici, è stato quindi arrestato e deve ora di rispondere di tentata violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia e lesioni, mentre la donna, portata all’ospedale di Nola per le percosse e i tentativi di violenza sessuali subiti, se la caverà con una prognosi di quindici giorni.