“Operazioni speculative con i soldi del Papa destinati ai poveri”, chiesto arresto per broker Torzi

0
“Operazioni speculative con i soldi del Papa destinati ai poveri”.

“Operazioni speculative con i soldi del Papa destinati ai poveri”. Le indagini delle Fiamme Gialle hanno permesso di ricostruire come parte dei 15 milioni di euro, che per la gendarmeria vaticana sono proventi di truffa al Vaticano, siano stati utilizzati per acquistare azioni di società quotate in Borsa consentendo, dopo pochi mesi, di conseguire un guadagno di oltre 750.000 euro.

Operazioni speculative per incassare plusvalenze con i soldi che sarebbero stati estorti al Vaticano provenienti dall’Obolo di San Pietro, il fondo di papa Francesco destinato ai poveri e ad opere caritatevoli, queste le pesanti accuse della Procura di Roma nei confronti di Gianluigi Torzi, il broker finanziario di Termoli trapiantato a Londra già coinvolto nell’inchiesta della Gendarmeria vaticana che gli ha contestato profitti illeciti per 15 milioni per la compravendita del palazzo al numero 60 di Sloane Avenue nella capitale britannica. Per l’indagato il Gip ha disposto un ordine di custodia cautelare in carcere, non eseguito perché Torzi è residente nel Regno Unito.

Le indagini, condotte dai finanzieri del Nucleo di Polizia economico finanziaria di Roma, erano partite proprio su richiesta del Promotore di Giustizia del Vaticano che, dopo l’arresto di Torzi e la sua scarcerazione nell’estate scorsa, aveva invitato la magistratura italiana a collaborare per ricostruire proprio la fine di quel giro denaro proveniente dal Vaticano e per i Gendarmi frutto di estorsione, peculato e truffa aggravata. Le indagini delle Fiamme Gialle hanno permesso di ricostruire come parte dei 15 milioni di euro bonificati a due società inglesi di Torzi  siano stati utilizzati per acquistare azioni di società quotate in Borsa per un importo di oltre 4,5 milioni che gli hanno consentito, dopo pochi mesi, di conseguire un guadagno di oltre 750.000 euro. Gli investigatori hanno poi ricostruito un giro di fatture false, non collegato all’operazione di Londra, realizzato con i commercialisti di riferimento.

“L’indagato non si è limitato a trasferire le somme provento di delitto su un conto corrente o altro rapporto finanziario a lui stesso intestato ma le ha parzialmente reimpiegate in attività imprenditoriali idonee a ostacolare concretamente l’identificazione della loro provenienza” scrive il Gip nell’ordine di arresto, aggiungendo che  “La fattura tra Meti Capital e Set entrambe riconducibili di fatto a Torzi è stata chiaramente emessa solo allo scopo di frodare il Fisco”. “Allarmante è la facilità con cui il predetto indagato e i suoi collaboratori siano riusciti a organizzare le operazioni fraudolente… individuando e sostituendo in brevissimo tempo le società da utilizzare per l’emissione e l’utilizzo di fatture false necessarie per riscuotere un cospicuo credito personale” si legge ancora nell’ordinanza che però è fortemente contestata dai legali di Torzi secondo cui si tratta di “accuse smantellate davanti al Tribunale del Vaticano mesi fa”.

Articolo PrecedentePatrick Zaki, Consiglio comunale di Genova boccia il documento che ne chiede il rilascio
Prossimo ArticoloGiovinazzo, trovate le sorelle di 12 e 14 anni scomparse dalla comunità. Il sindaco: “Grande gioia”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.