Omicido Elisa Campeol, il killer le ha mozzato un orecchio e lo ha portato ai carabinieri come prova

0
Omicido Elisa Campeol, il killer le ha mozzato un orecchio e lo ha portato ai carabinieri come prova.

Omicido Elisa Campeol, il killer le ha mozzato un orecchio e lo ha portato ai carabinieri come prova. La macabra sequenza di cui si è reso protagonista Fabrizio Biscaro, il 34enne reo confesso dell’omicidio di Elisa Campeol mentre la donna prendeva il sole sul greto del fiume Piave, nel parco dell’isola dei Morti. L’uomo ha confermato che non conosceva la vittima e che l’avrebbe scelta a caso per soddisfare il suo crescente desiderio di fare del male a qualcuno.

Prima l’ha uccisa sferrandole oltre venti coltellate e poi si è accanito sul suo corpo mozzandole anche un orecchio che infine ha portato ai carabinieri pensando che solo così avrebbero potuto credergli quando ha confessato l’omicidio di Elisa Campeol. È la macabra sequenza di cui si è reso protagonista Fabrizio Biscaro, il 34enne reo confesso dell’omicidio della barista di Pieve di Soligo, barbaramente uccisa a colpi di coltello, nella tarda mattinata di mercoledì, mentre prendeva il sole sul greto del fiume Piave, nel parco dell’isola dei Morti, a Moriago della Battaglia. L’episodio, riportato dalla Tribuna di Treviso, è stato confermato all’Ansa da fonti investigative.

Cosa abbia spinto il 34enne di Col San Martino a uccidere e accanirsi sulla 35enne, che non lo conosceva affatto e forse non lo aveva mai nemmeno visto, resta tutto da accertare. Come ha ricostruito il tenente colonnello Marco Turrini, comandante del reparto operativo del Comando provinciale dei Carabinieri di Treviso, Elisa Campeol era rilassata da qualche ora la sole quando in tarda mattinata , circa le 12 di mercoledì, è stata sorpresa alle spalle da Fabrizio Biscaro. L’uomo si è calato dalla scarpata e si è avventato su di lei infliggendole una profonda coltellata al fianco, poi altri colpi alla schiena, fino ad ucciderla. Fatale per la donna una coltellata all’altezza del costato che le ha perforato un polmone. Mentre era ancora viva e agonizzante, l’uomo avrebbe trovato la forza di staccarle parte di un orecchio e metterselo in tasca prima di scappare.

Lo stesso orecchio che poco dopo ha mostrato ai militari della caserma di Valdobbiadene dove si è costituito, ancora sporco di sangue. Nella sua mente doveva essere la prova effettiva del delitto compiuto, insieme al coltello usato per l’omicidio di Elisa che teneva in uno zaino. Agli stessi inquirenti ha confermato che non conosceva la vittima e che l’avrebbe scelta a caso per soddisfare il suo crescente desiderio di fare del male a qualcuno. Il 34enne infatti ha problemi psicologici gravi ed era stato in cura presso un centro di salute mentale ma pare che da alcuni mesi avesse deciso di interrompere le cure autonomamente.

Omicido Elisa Campeol, il killer le ha mozzato un orecchio e lo ha portato ai carabinieri come prova.

 

Articolo PrecedenteGermania, un uomo accoltella passanti in strada: almeno 3 morti e 6 feriti
Prossimo ArticoloPalazzo crollato a Miami, si scava tra le macerie: “Edifici Usa non crollano così, è una catastrofe”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.