Omicidio-suicidio a Torino, la chiamata al 112: “Ho ucciso mia moglie. Vi lascio la porta aperta”

0
Omicidio-suicidio a Torino, la chiamata al 112.

Omicidio-suicidio a Torino, la chiamata al 112. “Ho ucciso mia moglie. Vi lascio la porta aperta così potete entrare nell’alloggio”, così il 78enne Bruno Daniele ha confessato ai carabinieri di aver colpito a morte la moglie 75enne Marita Ivana Pennacchio la notte tra domenica e lunedì. L’uomo ha poi scritto un biglietto di scuse ai quattro figli e si è tolto la vita sparandosi un colpo alla tempia.

Stava dormendo Marita Ivana Pennacchio quando il marito ha impugnato la sua Beretta calibro 7,65, regolarmente detenuta, e le ha sparato uccidendola. Poi ha composto il 112 per avvertire i carabinieri di quanto appena fatto: “Ho ucciso mia moglie. Vi lascio la porta aperta così potete entrare nell’alloggio”. Il tempo di scrivere su un biglietto per i quattro figli la parola “Scusate”, e poi Bruno Daniele, 78 anni, ha impugnato quell’arma e l’ha rivolta verso se stesso per togliersi la vita. Quando i carabinieri sono entrati nell’appartamento di via San Quintino a Torino hanno trovato il cadavere dell’uomo sul divano, con in pugno ancora la Beretta semiautomatica, e quello della moglie a letto.

Un omicidio-suicidio di cui nessuno dei vicini si è accorto, sono stati svegliati dalle sirene delle auto dei carabinieri e delle ambulanze. Ai militari che li hanno interrogati hanno tutti raccontato la stessa storia, quella di una coppia mite, che si vedeva poco: si erano trasferiti in quello stabile signorile del capoluogo piemontese circa tredici anni fa. Bruno Daniele era andato in pensione già da qualche tempo perché sembra perché soffrisse di una profonda forma di depressione. Era taciturno, a volte cupo, e con la pandemia la situazione era forse peggiorata: le già poche uscite erano diventate per la coppia rarissime, tanto da scegliere di farsi recapitare anche la spesa a casa. Lei invece era cordiale con tutti, di poche parole ma sempre disponibile a fare due chiacchiere se qualcuno le chiedeva qualcosa. Una donna mite, la descrivono così i vicini di casa all’indomani della tragedia.  Nessuno avrebbe mai immaginato quanto accaduto la notte di Halloween. I punti interrogativi ruotano ora intorno all’arma detenuta dall’uomo e al motivo per il quale gli fosse stato rinnovato il porto d’armi pur avendo una evidentemente diagnosticata una depressione.

Articolo PrecedenteBolzano: sparisce per 20 anni, torna e tenta di uccidere il fratello a coltellate
Prossimo ArticoloTorna a casa e la trova occupata, 86enne disperato: “Carabinieri dicono che non possono fare nulla”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.