Omicidio Roberta Siragusa, la mamma: “Dio è grande e punirà chi ti ha portato via da me”

0
Omicidio Roberta Siragusa, la mamma: “Dio è grande e punirà chi ti ha portato via da me”.

Omicidio Roberta Siragusa, la mamma: “Dio è grande e punirà chi ti ha portato via da me”. Dopo aver assistito alla straziante udienza del Tribunale di Termini Imerese, la mamma di Roberta Ragusa sfoga il dolore sui social. “Dio è grande e presto punirà chi ti ha portato via da noi” dice Iana Brancato che in aula ha dovuto vedere le immagini dell’omicidio della figlia. La ragazza è stata cosparsa di benzina e arsa viva. Il suo aguzzino l’ha guardata bruciare per almeno cinque minuti.

“Cuore nostro. Dopo la lettura dell’autopsia, continuiamo a far vivere il tuo nome e lo gridiamo forte. Dio è grande e punirà chi ti ha portato via da noi”. Questo scrive Iana Brancato, mamma di Roberta Siragusa, sui suoi canali social dopo aver assistito a una dolorosa udienza del Tribunale di Termini Imerese. Davanti ai genitori sono state trasmesse le immagini del suo omicidio: la ragazza per cinque lunghi minuti brucia viva davanti al suo aguzzino. Per la morte di Roberta è sotto accusa l’ex fidanzato Pietro Morreale che, secondo i legali dei familiari della vittima, sarebbe l’uomo che nel video cosparge la ragazza di benzina e la guarda poi bruciare. Dopo qualche istante sarebbe risalito in auto e per parcheggiare qualche metro più avanti.

La lite, le botte e l’omicidio
Secondo la Procura, Pietro avrebbe picchiato la fidanzata per poi darle fuoco al culmine di una lite. Sul corpo della ragazza sono state ritrovate diverse ferite che testimonierebbero le percosse prima dell’omicidio. Le immagini escludono ovviamente l’ipotesi di suicidio paventata inizialmente da Pietro Morreale. Secondo gli esperti, Roberta avrebbe sofferto almeno per 5 minuti. “Quelle del video depositato dalla Procura – dicono i due avvocati – sono immagini forti mostrate alla presenza dei familiari di Roberta. Un documento che ha spiazzato tutti e che dimostra che Roberta è stata uccisa nel campo sportivo, caricata in auto e gettata nel dirupo vicino al monte San Calogero”

Indagini sui familiari di Morreale
Pietro Morreale aveva raccontato agli inquirenti di aver assistito all’omicidio della fidanzata, sconvolta dopo una lite. L’ipotesi è apparsa subito improbabile agli agenti che hanno indagato sul caso. Sempre durante l’interrogatorio aveva detto di essere tornato a casa in piena notte e di aver raccontato quanto successo al padre solo il mattino dopo. Proprio il genitore lo avrebbe convinto a presentarsi in caserma dai carabinieri. Anche questo aspetto non convince pienamente gli agenti, che stanno cercando di capire se il giovane sia stato aiutato a disfarsi del corpo di Roberta.

Omicidio Roberta Siragusa, la mamma: “Dio è grande e punirà chi ti ha portato via da me”.

 

Articolo PrecedenteRimini, chiede aiuto dal balcone, convince una 19enne a soccorrerlo e cerca di violentarla: arrestato
Prossimo ArticoloVaccinati e guariti da Covid possono trasmettere il coronavirus anche da asintomatici
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.