Omicidio Roberta Siragusa, gip: “Immagini lasciano sgomenti: corpo devastato”

0
Omicidio Roberta Siragusa, gip: “Immagini lasciano sgomenti: corpo devastato”.

Omicidio Roberta Siragusa, gip: “Immagini lasciano sgomenti: corpo devastato”. “Le immagini lasciano sgomenti. Il corpo è devastato”. Così Il giudice che ieri ha disposto la custodia cautelare in carcere per Pietro Morreale, il 19enne accusato di aver massacrato la fidanzata 17enne, Roberta Siragusa a Caccamo. Per il giudice Pietro Morreale potrebbe commettere altri crimini o in inquinare le prove: “determinazione criminale”.

“Le immagini lasciano sgomenti. Il corpo di Roberta nella parte inferiore è integro, ma devastato in quella superiore. Nel cranio c’è una vistosa ferita che si coglie perfettamente nelle immagini”. Così il gip che ieri ha disposto per Pietro Morreale, 19 anni, la custodia cautelare in carcere per l’omicidio della fidanzata 17enne, Roberta Siragusa, il cui corpo massacrato è stato recuperato in un burrone alla periferia di Caccamo (Palermo). “Gravissimo quadro cautelare, rischio di inquinamento prove, estrema gravità della condotta, determinazione criminale e possibilità che reiteri il reati”, sono gli elementi che hanno spinto il gip di Termini Imerese a decidere per la custodia cautelare in carcere. Morreale, dunque, potrebbe alterare le prove o fare ancora del male.

Cranio rasato per disprezzo: “voleva cancellare la sua identità femminile”
“Quantomeno a livello gravemente indiziario può ritenersi che Pietro – mosso da una fortissima gelosia e da un sentimento morboso maturato nei confronti di Roberta – la abbia uccisa (con modalità che solo successivamente si potranno accertare) dopo aver comunque tentato un approccio (Roberta aveva i pantaloni abbassati, ndr) e poi le abbia dato fuoco e abbandonandola nella scarpata. Roberta ha il cranio rasato. Dovrà essere accertato se tale circostanza è dovuta ad un fenomeno di combustione o ad una orribile manifestazione di disprezzo e svilimento della sua identità femminile”.

In questi giorni ha testimoniato anche il fratello della vittima che ha descritto Morreale come un “soggetto aggressivo”, che faceva “uso di sostanze”. “L’occhio nero di mia sorella – avrebbe detto – era scaturito da una lite per una canna che lei aveva buttato dal finestrino”. Il riferimento è al vistoso livido che alcuni amici avevano visto sul viso di Roberta la scorsa estate. “Litigavano spesso – ha continuato – ma facevano sempre la pace, in un’occasione mentre erano a cena al ristorante, nel gennaio 2020, si erano addirittura picchiati”. Anche altri amici hanno testimoniato riguardo a presunti maltrattamenti subiti da Roberta. Il delitto è avvenuto la notte tra sabato e domenica scorsi, al ritorno da una festa cui la coppia aveva partecipato. Agli atti delle indagini sono finiti i messaggi inviati da Roberta a un amico nei minuti che hanno preceduto al delitto. Gli sms hanno permesso di ricostruire che la ragazza si trovava proprio con il Morreale e che si stavano allontanando insieme. Poi Roberta è stata uccisa e il suo corpo parzialmente bruciato.

Articolo PrecedentePalermo, Candida muore di parto a 39 anni assieme al bimbo. Parenti furiosi: “Perché?”
Prossimo ArticoloUn nuovo test anti Covid potrebbe rilevare il contagio con lo smartphone
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.