Ohio, la polizia di Columbus uccide un’adolescente afroamericana: proteste in tutta la città

0
Ohio, la polizia di Columbus uccide un’adolescente afroamericana.

Ohio, la polizia di Columbus uccide un’adolescente afroamericana. La polizia di Columbus, in Ohio, ha ucciso con quattro colpi di arma da fuoco una teenager di appena 15 anni. La ragazza sarebbe rimasta coinvolta in una lite con alcuni giovani che come lei vivevano all’interno di una struttura per minori. Aveva tra le mani un coltello che avrebbe però gettato a terra ben prima che gli agenti sparassero quattro colpi di arma da fuoco.

Un’altra ragazza afroamericana uccisa dal fuoco della polizia: gli agenti di Columbus, in Ohio, hanno sparato reagendo, secondo quanto dichiarato, a un tentativo di aggressione con un coltello. Makiyah Bryant aveva 15 anni e la sua morte è avvenuta 20 minuti prima del verdetto riguardante la morte di George Floyd. Per l’omicidio di Minneapolis l’ex poliziotto Derek Chauvin è stato condannato per tre capi d’accusa: omicidio colposo, di secondo grado preterintenzionale e di terzo grado. La sentenza però non sembra aver scalfito il muro di violenza della polizia statunitense. L’Ohio Bureau of Criminal Investigation ha aperto un’indagine sul caso dell’adolescente uccisa. Nel frattempo, i media diffondono le immagini riprese dalle body cam dei poliziotti. Secondo quanto sostengono gli agenti coinvolti, la polizia stava rispondendo a una chiamata per una tentata rapina. Makiyah avrebbe lasciato cadere il coltello che aveva tra le mani ben prima di essere colpita dalle pallottole degli agenti.

LeBron James in lacrime dopo aver saputo della morte di Kobe Bryant

La zia della 15enne, Hazel Bryant, ha detto al Columbus Dispatch che sua nipote era rimasta coinvolta in una discussione con un altro ragazzo che abitava nella sua stessa struttura per minori. Nei filmati si vede infatti un agente avvicinarsi a un gruppo di giovani raccolti in cerchio. Dopo qualche minuto, la vittima ha spinto a terra uno dei teenager accanto a lei e ha poi cercato di lanciargli contro il coltello: a quel punto, il poliziotto avrebbe minacciato la ragazza, intimandole di gettare l’arma. Secondo quanto raccontano i familiari, Makiyah avrebbe eseguito, ma non è bastato. L’agente ha sparato quattro volte contro la 15enne, ferendola gravemente.

Le immagini della body cam rilasciate dai poliziotti di Columbus
Il capo della polizia ad interim di Columbus, Michael Woods, ha sostenuto che gli agenti sono autorizzati ad usare la forza per proteggere se stessi o gli altri. Il poliziotto coinvolto è attualmente in congedo amministrativo. Gli agenti avrebbero ricevuto la chiamata al 911 intorno alle 16.35, intervenendo sul posto per poi trovare davanti a loro soltanto un gruppo di ragazzini. Alle 16.46 la giovane vittima è stata trasportata in ospedale in condizioni critiche. Makiyah è stata dichiarata morta alle 17.21. Subito dopo il fatto sono esplose le proteste in tutta la città: di nuovo incendi e saccheggi per vendicare la morte di un’altra afroamericana. Ai cronisti del Dispatch, una residente ha raccontato la violenza che da sempre regna nel quartiere. “Questa è la cosa peggiore che sia mai successa qui nonostante tutto – spiega – e sfortunatamente proprio per mano della polizia”.

Articolo PrecedenteDramma in India, guasto all’impianto del reparto Covid: 22 pazienti morti per mancanza di ossigeno
Prossimo ArticoloAnziano si perde e rischia di morire congelato: poliziotta lo salva coprendolo con la sua divisa
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.