Nuovo viadotto sul Polcevera a ottobre 2019. Piano: ‘Durerà mille anni e sarà d’acciaio’

0
Il sindaco di Genova Marco Bucci e l'architetto Renzo Piano (S) nel corso di una conferenza stampa sulla presentazione del progetto del nuovo viadotto dopo il crollo del ponte Morandi, 7 settembre 2018. ANSA/LUCA ZENNARO

Il nuovo progetto presentato dal presidente della Liguria Giovanni Toti e dall’archistar Renzo Piano. Sono venti gli indagati per il crollo del 14 agosto. 9 della società Autostrade

Entro ottobre 2019, novembre al massimo, Genova avrà un nuovo ponte sul torrente Polcevera“. Lo annuncia il presidente della Regione Liguria e commissario per l’emergenza Giovanni Totialla presentazione del progetto del nuovo viadotto dell’architetto di Renzo Piano. “Il nuovo Morandi non può essere un ponte normale, visto il dolore che ha provocato, vogliamo costruire un simbolo per il futuro della città. Il progetto di Piano rappresenta l’essenzialità ligure ricca di significato, sarà costruito velocemente”.

“Questo ponte dovrà durare mille anni e dovrà essere d’acciaio” ha detto l’archistar Renzo Piano presentando il suo progetto. “Certo, in questo progetto c’e’ qualcosa di una nave. Perché c’è qualcosa di Genova”. 

I vertici di Arcelor Mittal, nuovi proprietari dell’Ilva,  “si sono detti disponibili a fornire l’acciaio indispensabile alla ricostruzione del ponte Morandi” ha annunciato Toti. L’acciaio sarà lavorato dallo stabilimento Ilva di Genova Cornigliano.

Complessivamente ci sono venti indagati per il crollo di ponte che il 14 agosto scorso ha causato 43 morti. Le accuse contestate sono disastro colposo, omicidio colposo stradale plurimo e omicidio colposo aggravato dalle violazioni delle norme anti infortunistiche.

Sono nove i dirigenti di Autostrade che stanno ricevendo l’avviso di garanzia per il crollo ponte Morandi a Genova. Sono: Giovanni Castellucci ad; Paolo Berti direttore operativo centrale; Paolo Strazzullo responsabile progetto retrofitting; Michele Donferri Mitelli direttore settore manutenzione; Mario Bergamo ex direttore della manutenzione fino al 2016; Stefano Marigliani direttore 1/o tronco; Riccardo Rigacci ex direttore 1/o tronco; Fulvio Di Taddeo responsabile controllo viadotti; Massimo Meliani responsabile rapporti con consulenti.Sono due gli indagati della società Spea Engineering, controllata da Autostrade, che studiò gli interventi su ponte Morandi. Si tratta di Emanuele De Angelis, direttore tecnico e Massimiliano Giacobbi responsabile del progetto retrofitting del viadotto. Per il ministero delle Infrastrutture e dei Trasportirisultano indagati Vincenzo Cinelli, capo della direzione generale del Mit, il suo predecessore Mauro Coletta e Bruno Santoro, dirigente della direzione generale.

Al provveditorato delle opere pubbliche di Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta sono indagati Roberto Ferrazza, il provveditore e Salvatore Bonaccorso, un dirigente. Poi ci sono i componenti del comitato tecnico che analizzò il progetto di retrofitting del viadotto presentato da Autostrade: Mario Servetto, Giuseppe Sisca, Antonio Brencich. Ferrazza e Brencich erano nella Commissione ispettiva sul crollo voluta dal Mit. Il primo è stato rimosso, il secondo si è dimesso. Per l’Ufficio ispettivo genovese c’è Carmine Testa, capo ufficio territoriale.

Il procurato capo Francesco Cozzi ha anche annunciato: “A breve chiederemo l’incidente probatorio. L’iscrizione viene fatta proprio contestualmente per la necessità di effettuare un atto garantito”. Cozzi ha precisato che non è escluso che l’elenco possa allungarsi: “al momento la lista è questa, poi qualora emergessero ulteriori profili dalla prosecuzione delle indagini questo verrà valutato, anche eventualmente in corso di incidente probatorio come prevede il codice”.

 

Articolo PrecedenteObama: ‘Votiamo, ne va della nostra democrazia’
Prossimo ArticoloNegozi chiusi la domenica? Rischio occupazione
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.