“Ti brucio la casa” e le minacce diventano realtà. La donna, compagna dell’inquilino dell’appartamento incendiato, si trova ricoverata al San Martino in stato confusionale.

Una donna di 43 anni sarà denunciata nelle prossime ore dalla polizia per l’incendio che ieri sera ha distrutto un appartamento a Molassana, in via Sertoli.

Secondo quanto ricostruito la donna, di di origini albanesi, avrebbe dato fuoco all’appartamento del compagno dopo un periodo particolarmente burrascoso: dopo aver appiccato l’incendio, la donna sarebbe stata ritrovata poco distante in stato confusionale.

Nel pomeriggio la 43enne, si era recata a casa della madre del compagno dicendo: “Non mi vedrai mai più, ma prima di brucio la casa”.

E le minacce sono diventate realtà: secondo alcune testimonianze raccolte sul posto, alcuni vicini di casa l’avrebbero vista raggiungere il palazzo gridando “Ti brucio la casa”: dopo aver appiccato l’incendio, la donna è scappata ma è stata ritrovata poco dopo dagli uomini delle volanti in stato di semi-incoscienza. Si trova tutt’ora ricoverata all’ospedale San Martino in stato confusionale.