New York, è morto Buddy. Buddy, pastore tedesco di 7 anni di New York, è il primo cane a morire per il Coronavirus negli Stati Uniti. Dopo aver manifestato difficoltà respiratorie e perdita di peso, l’animale è stato sottoposto a test, che ha dato esito positivo. Prima del decesso, si è scoperto che aveva anche un tumore, per cui non è chiaro che impatto abbia avuto Covid-19 sulle sue condizioni di salute: “Era l’amore della nostra vita”.

Negli Stati Uniti, primo paese al mondo per numero di contagi e vittime per Coronavirus, è morto il primo cane risultato positivo. Buddy, questo il nome del pastore tedesco, è deceduto a 7 anni a Staten Island, New York City, dove viveva insieme alla famiglia Mahoney. Robert e sua moglie Allison hanno raccontato la tragedia al National Geographic e la storia del loro amico a quattro zampe ha fatto il giro del web: lo scorso aprile il cane aveva cominciato a manifestare difficoltà respiratorie, accompagnate a perdita di peso, dopo che anche Robert aveva contratto l’infezione da Sars-CoV-2. Dopo circa sei settimane in cui gli era stato prescritto semplicemente un antibiotico, un veterinario l’ha fatto sottoporre al test, che ha dato esito positivo. Da allora le sue condizioni sono peggiorate a tal punto che l’11 luglio è stato sottoposto a eutanasia. Dagli esami del sangue è risultato che Buddy aveva anche un cancro, per cui al momento non è chiaro quanto Covid-19 abbia impattato sulla sua salute.

Come si legge sempre sul National Geographic, Buddy aveva un linfoma, un tipo di tumore che spiegherebbe alcuni dei sintomi manifestati prima del decesso. “Non è chiaro se il cancro lo abbia reso più suscettibile alla contrazione del Coronavirus, o se il virus lo abbia fatto ammalare, o se ancora fosse solo un caso di coincidenze temporali. La famiglia di Buddy, come migliaia di famiglie alle prese con gli effetti del Coronavirus in tutto il mondo, ha molte domande e poche risposte”. Secondo Robert Mahoney nessuno dei funzionari sanitari veterinari di New York City si è interessato al caso del pastore tedesco dopo la conferma di positività a Covid-19. Ma il Dipartimento della Salute della Grande Mela, primo epicentro della pandemia negli States, ha dichiarato sempre al National Geographic che, poiché Buddy era gravemente anemico, non era stato sottoposto a ulteriori prelievi di sangue perché si temeva potesse stare male, anche perché probabilmente non era più contagioso: i campioni originali di Buddy raccolti il ​​15 maggio dal veterinario al Bay Street Animal Hospital di Rosebank erano positivi al nuovo virus, ma i campioni aggiuntivi raccolti il ​​20 maggio erano negativi, indicando che il virus non era più presente nel corpo del cane, ma tuttavia aveva degli anticorpi.

“Buddy era l’amore della nostra vita, portava tanta gioia nella nostra casa. Siamo davvero addolorati”, hanno detto i coniugi Mahoney. Buddy è uno dei 25 animali domestici che secondo quanto riferito dalle autorità sono risultati positivi al virus nel Paese a stelle e strisce, un elenco che comprende 12 cani e almeno dieci gatti.