Nessuna pandemia globale. Questo rumore è ingiustificato, vi dico perché

0

Nessuna pandemia. Claudia Zuncheddu, medico cagliaritano, avverte: È opportuno adottare tutte le misure di prevenzione, ma niente panico

La Coronavirus-Disease è doveroso precisare che si tratta di una patologia respiratoria raramente fatale. Può manifestarsi in modo lieve con raffreddore, febbre, tosse e mal di gola, anche se non si esclude la sua forma severa con polmonite e difficoltà respiratoria nelle persone più suscettibili. Questo è ciò che avviene anche nelle comuni influenze.

Benché individuato nel 1965, il Coronavirus è stato poco studiato perché difficilmente coltivabile. Le infezioni respiratorie lievi e il raffreddore, di cui è responsabile, hanno fatto sì che si inquadrassero tra le sindromi influenzali comuni. Questo virus circola liberamente tanto che gli anticorpi sono stati individuati nei bambini sin dal primo anno di vita ed è presente nel 50% dei bambini di quattro anni e nel 70% degli adulti. A complicare gli studi è anche la rapidità dell’evoluzione propria dei virus per mutazioni casuali. Ciò implica l’identificazione del ceppo mutante, la sua coltivazione e la produzione del vaccino. Un iter che richiede tempo. Ma in questo caso specifico, va precisato che non ci troviamo di fronte a nessuna pandemia globale.

Come è noto, il ceppo responsabile della CoVD19 è stato isolato nel dicembre del 2019 a Wuhan in Cina. Per la somiglianza con il virus della Sars (Sindrome respiratoria acuta grave) è stato chiamato SARS-CoV2 ma si tratta di virus diversi della stessa famiglia. È corretto che le persone adottino misure di prevenzione, ma il panico è ingiustificato. La CovD19 è poco più di un’influenza e i casi di influenza stagionale vengono erroneamente considerati infezione da Coronavirus. Ad avallare questa tesi sono gli stessi risultati dei laboratori di analisi, presi d’assalto in tutti i centri di malattie infettive.

Il tono allarmante degli appelli delle istituzioni regionali, per un possibile “sbarco” in Sardegna di questo virus (trasporti permettendo), tendono a sovraccaricare di responsabilità i medici di base e i pediatri da sempre in prima fila. Le autorità politiche dovrebbero porsi il problema reale, se gli ospedali pubblici dei territori disagiati e gli stessi grandi ospedali di Cagliari sono in grado di far fronte all’eventuale nuova emergenza.

Con le dismissioni e il declassamento dei servizi in questi anni, a partire da laboratori di analisi, la soppressione di interi reparti, il taglio e la mortificazione delle professionalità sanitarie, per noi sardi, se così fosse, le speranze di sopravvivenza sarebbero poche. Per fortuna siamo di fronte ad un grande equivoco. Non esiste nessuna pandemia letale da Coronavirus. Purtroppo sono numerose le persone defedate che muoiono per le comuni influenze, ma questo non fa notizia e i decessi non si contano.

Claudia Zuncheddu

(Portavoce Rete Sarda Difesa Sanità pubblica)

 

Articolo PrecedenteCoronavirus, il ricercatore italiano Gambotto: primo vaccino supera la fase del test su animali
Prossimo ArticoloRivendono i buoni spesa, il sindaco: “Vi mando in galera”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.