Neonato ustionato a Napoli, ai genitori erano stati tolti altri figli

0
Neonato ustionato a Napoli, ai genitori erano stati tolti altri figli.

Neonato ustionato a Napoli, ai genitori erano stati tolti altri figli. È ancora in pericolo di vita il piccolo Vincenzo, il bimbo nato 4 giorni fa è ricoverato con ustioni sul 16% del corpo all’Ospedale Santobono di Napoli. Arrestati i genitori, accusati di abbandono di minori, maltrattamenti e lesioni gravissime. La coppia era seguita da tempo dai servizi sociali. La scorsa estate aveva perso la patria potestà di due figli più grandi e in passato aveva avuto altri figli da precedenti relazioni.

È ancora in pericolo di vita il piccolo Vincenzo, il bimbo nato solo 4 giorni fa lotta tra la vita e la morte, ricoverato con ustioni sul 16% del corpo all’Ospedale Santobono di Napoli. I genitori sono stati arrestati nella notte. Sono accusati di abbandono di minori, maltrattamenti e lesioni gravissime. La coppia era seguita da tempo dai servizi sociali. La scorsa estate aveva perso la patria potestà di due figli più grandi. E forse aveva nascosto l’ultima gravidanza per timore di perdere l’affidamento anche del piccolo Vincenzo.

Da ulteriori accertamenti dei carabinieri è emersa una situazione di estremo degrado: oltre ai due figli, l’uomo e la donna avevano avuto altri bambini, frutto di precedenti relazioni, che non vivevano con loro; il 46enne, ex dipendente di una ditta di pulizie che aveva lavorato anche nel Policlinico Federico II di Napoli, ha dei precedenti per maltrattamenti; la 36enne è invece già nota alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio.

Nessuna raccolta fondi, cure pagate dalla Regione

Il piccolo Vincenzo è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico per ferite che potrebbero essere state causate da acqua bollente o uso sulla pelle di sostanze aggressive, è intubato e in ventilazione assistita, sedato per lenire il dolore delle lesioni riportate. I sanitari non sciolgono ancora la prognosi. Cure costose di cui si farà carico interamente la Regione Campania.

“Non c’è alcuna raccolta fondi per curare il bambino – commenta il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli – I delinquenti che fanno raccolte di fondi finte saranno denunciati. Se dovesse rendersi necessario, lo renderà noto l’ospedale Santobono”.

La madre – Alessandra Terracciano, 36 anni – si trova piantonata all’Ospedale del Mare dove è ricoverata, mentre il compagno, Concetto Bocchetti, 46 anni, è stato condotto al carcere di Poggioreale. Il provvedimento è stato emesso dal sostituto procuratore di Napoli Francesca De Renzis e dal procuratore aggiunto Raffaello Falcone ed eseguito dai Carabinieri della Stazione di Portici e della sezione operativa della Compagnia di Torre del Greco. A scoprire l’accaduto sono stati i militari dell’Arma ieri pomeriggio dopo essere stati chiamati da Bocchetti con una richiesta di aiuto per il neonato.

Articolo PrecedenteScoperta una nuova variante francese: “sfugge” al tampone molecolare
Prossimo ArticoloFunerali di Ornella Pinto, uccisa dal marito: la famiglia respinge i fiori dei suoceri e strappa il biglietto
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.