Nella seconda ondata Covid quasi 50.000 morti, le vittime under 50 sono l’1,1%

0
Nella seconda ondata Covid quasi 50.000 morti, le vittime under 50 sono l’1,1%.

Nella seconda ondata Covid quasi 50.000 morti, le vittime under 50 sono l’1,1%. Sono 49.274 i morti per Covid in Italia durante la seconda ondata dell’epidemia, che comprende il periodo che va da ottobre a oggi. È quanto emerge dal rapporto Iss sulle caratteristiche dei pazienti deceduti, aggiornato al 27 gennaio. Sono 941, dei 85.418 totali (1,1%), i morti per Covid di età inferiore ai 50 anni. Di questi 234 avevano meno di 40 anni.

Sono quasi cinquantamila i decessi registrati in Italia per Covid durante la seconda ondata della pandemia di Coronavirus. È quanto emerge dal rapporto Iss sulle caratteristiche dei pazienti deceduti, aggiornato al 27 gennaio. Dal mese di ottobre 2020 le vittime del virus nel nostro Paese sono state per la precisione 49.274: un numero ben più alto del bilancio già drammatico della prima ondata, ovvero i decessi registrati da marzo a maggio 2020. In quel primo periodo di pandemia i morti accertati per Covid furono 34.278. C’è stata poi una “tregua” nella fase intermedia, quella estiva da giugno a settembre 2020, con 1.837 morti.

La distribuzione geografica dei pazienti deceduti nella seconda ondata
Tra la prima e la seconda ondata della pandemia si è modificata la distribuzione regionale: se nella prima fase, che ha travolto prevalentemente il Nord, in Lombardia si contavano il 47,7 percento delle vittime totali, in questa seconda ondata la percentuale scende al 19,7, una su cinque. Poi troviamo il Veneto, con il 13,2 percento dei decessi nella seconda ondata, l’Emilia Romagna con il 9,7 percento, il Piemonte con l’8 percento e il Lazio con il 7,6 percento.

Morti per Covid di età inferiore ai 50 anni sono 941

L’età media delle persone decedute per Covid è, secondo quanto emerge dal rapporto Iss, di 81 anni. Le donne decedute sono 37.295 (43,7 percento). L’età mediana dei pazienti deceduti positivi è più alta di oltre 30 anni rispetto a quella dei pazienti che hanno contratto l’infezione. L’età media dei decessi settimanali è andata sostanzialmente aumentando fino agli 85 anni per poi calare leggermente. I morti per Covid in Italia di età inferiore ai 50 anni sono 941 al 27 gennaio, dei 85.418 totali, ovvero l’1,1 percento. Di questi, 234 avevano meno di 40 anni (138 uomini e 96 donne con età compresa tra 0 e 39 anni). Di 52 pazienti di età inferiore a 40 anni non sono disponibili informazioni cliniche; degli altri pazienti, 147 presentavano gravi patologie preesistenti (patologie cardiovascolari, renali, psichiatriche, diabete, obesità) e 35 non avevano diagnosticate patologie di rilievo.

Le terapie utilizzate
Per quanto riguarda le terapie, dal report Iss emerge che quella antibiotica è stata comunemente utilizzata nel corso del ricovero (85,9 percento dei casi), meno utilizzata quella steroidea (53,3 percento), più raramente la terapia antivirale (46,4 percento). Il comune utilizzo di terapia antibiotica può essere spiegato dalla presenza di sovrainfezioni o è compatibile con inizio terapia empirica in pazienti con polmonite, in attesa di conferma laboratoristica di SARS-CoV-2. In 1444 casi (23,1 percento) sono state utilizzate tutte 3 le terapie. Al 4,0 percento dei pazienti deceduti è stato somministrato Tocilizumab come terapia.

Articolo PrecedenteOggi parte la lotteria degli scontrini: i premi in palio e come partecipare
Prossimo ArticoloFirenze, in 7 picchiano una ragazza di 13 anni: il video delle botte finisce sui social
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.