Napoli, il barista del Vomero disperato coi vigili: “Non posso più mettere il piatto a tavola”

0
Napoli, il barista del Vomero disperato coi vigili.

Napoli, il barista del Vomero disperato coi vigili. Lo sfogo del barista Alessandro Carlino con i vigili urbani: “Io non me la prendo con voi, ma devo portare il piatto a tavola. Dopo le 11 non si possono vendere le bevande, neanche il caffè. Spiegateci perché siamo aperti, per vendere l’acqua? Siamo esausti. Le istituzioni ci hanno abbandonati. I ristori non bastano. Anche i clienti confusi da norme contraddittorie”.

“Io non me la prendo con voi, ma devo portare il piatto a tavola. Dopo le 11 non si possono vendere le bevande, neanche il caffè. Spiegateci perché siamo aperti, per vendere l’acqua? Siamo esausti”. Si è sfogato così Alessandro Carlino titolare della caffetteria in via Luca Giordano al Vomero, nota strada dello shopping del quartiere collinare, con i vigili urbani impegnati nei controlli anti-Covid. L’ordinanza regionale 98 del governatore Vincenzo De Luca di sabato scorso, il divieto di vendita e di consumo di bevande, anche non alcoliche come un caffè, dopo le ore 11 e ha disposto la zona arancione in Campania, fino a domani, 23 dicembre, mentre il Governo nazionale aveva previsto invece la zona gialla. La scena è stata ripresa in un video di un passante diventato subito virale. Sono in tanti infatti i commercianti che soffrono per “Noi abbiamo grande rispetto per le forze dell’ordine – precisa Carlino, contattato – che si trovano a fronteggiare questa emergenza sia sanitaria che economica e che fanno solo il loro lavoro. La mia protesta è rivolta al fatto che siamo stati abbandonati dalle istituzioni”.

Il commerciante: “Abbandonati dalle istituzioni”

“L’ordinanza della Regione – spiega Carlino – ha posto una ulteriore restrizione. Dopo le 11 non è possibile vendere né consumare in strada alcolici e non alcolici, solo l’acqua. I ristori non coprono nulla. Le casse integrazioni non arrivano e i dipendenti sono alla sbando. In più ci hanno tolto questi 4 giorni che per noi erano fondamentali. Siamo a pezzi”. Il l video risale alla mattina di ieri, lunedì 21 dicembre, ed è diventato subito virale, raggiungendo centinaia di migliaia di visualizzazioni. I vigili urbani non hanno fatto una multa, si è trattato solo di uno sfogo del negoziante. “Il problema – aggiunge Carlino – è che la zona arancione è arrivata a sorpresa, perché noi eravamo sicuri di essere gialli. Ma è come se fosse una zona rossa mascherata, perché dopo le 11 si vieta di vendere e di consumare in strada anche il caffè. Noi possiamo fare solo consegne a domicilio, oppure vendere cibo da asporto nelle confezioni. Anche i clienti non sono ben informati perché queste ordinanze contraddittorie creano confusione”.

Una situazione che purtroppo grava sulle attività commerciali, già costrette a fare i conti con la crisi per il Coronavirus di questi mesi e che speravano in una boccata d’ossigeno almeno nei giorni prima di Natale. Le proteste dei ristoratori e dei gestori dei bar, però, non sono valse a nulla. Nonostante diversi blocchi stradali sul Lungomare di Napoli nel weekend, Palazzo Santa Lucia ha deciso di non ritirare l’ordinanza, ma ha assicurato che ci saranno comunque dei ristori per i commercianti che hanno sostenuto delle spese di approvvigionamento, dietro esibizione delle fatture di acquisto.

Articolo PrecedenteReazioni allergiche al vaccino Covid di Pfizer, si sospetta che siano scatenate dalle nanoparticelle
Prossimo ArticoloLa crisi di governo è più lontana, Italia Viva canta vittoria: “Conte ha ceduto sulla governance”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.