Napoletani scomparsi in Messico, inizia il processo per i tre poliziotti indagati

0
Napoletani scomparsi in Messico, inizia il processo per i tre poliziotti indagati.

Napoletani scomparsi in Messico, inizia il processo per i tre poliziotti indagati. Inizia il processo per i poliziotti accusati di aver “consegnato” i tre napoletani scomparsi in Messico ad un cartello criminale. Ma la vicenda continua ad essere torbida: dei quattro poliziotti indagati, uno è morto in circostanze misteriose in carcere. Dopo tre anni e 22 giorni, i familiari non perdono la speranza: “Per noi sono ancora vivi”.

nizia il processo a tre dei quattro poliziotti messicani indagati per la scomparsa di Raffaele Russo, Antonio Russo e Vincenzo Cimmino, i tre napoletani scomparsi nel paese mesoamericano il 31 gennaio del 2018. Tre anni e ventidue giorni dopo, si apre il procedimento per tre dei quattro poliziotti che avrebbero “consegnato” i tre napoletani ad un cartello criminale che opera nella zona di Jalisco, il Cártel Jalisco Nueva Generación (CJNG). I tre agenti a finire a processo sono due uomini (Emilio N. e Salomón N.) e una donna (Lidia N.): il quarto poliziotto indagato, Fernando N., è invece morto in circostanze misteriose in carcere.

Napoletani scomparsi in Messico, l’ultimo audio via Whatsapp: “Ci ha fermato la polizia”
Una sorte che avrebbe condiviso anche José Guadalupe Rodriguez Castillo, detto “El 15” o “Don Luque”, il capo del cartello criminale: considerato il mandante del loro rapimento, è ufficialmente morto in un agguato mortale. Ma il suo corpo è sparito, dopo essere stato “prelevato” da alcuni suoi fedelissimi in ospedale, tanto che molti media messicani pensano possa essere in realtà ancora vivo. A morire “senza dubbio”, invece, è stato Víctor Díaz Contreras, sindaco di Tecalitlán, la città nel cui corpo di polizia militano gli agenti indagati. Ucciso a colpi di pistola cinque mesi dopo la scomparsa dei tre napoletani e subito dopo le prime accuse verso i poliziotti indagati.

La vicenda dei tre napoletani scomparsi in Messico continua ad essere seguita molto attentamente dai media locali. E diversi giornalisti parlano anche di “figuraccia internazionale” per una vicenda che appare ancora lontana dalla risoluzione. “Tre italiani senza ricerca né giustizia”, si intitola uno degli editoriali al vetriolo del giornalista Carlos Martinez Macias, che sulle colonne del giornale messicano “Milenio” ha seguito, come diversi altri cronisti mesoamericani, la vicenda tornata alla ribalta in questi giorni.

I familiari, intanto, continuano a sperare che i tre tornino a casa sani e salvi. “Finora non è emersa alcuna corrispondenza tra il Dna dei tre napoletani scomparsi in Messico e i resti umani finora scoperti nello stato di Jalisco”, ha spiegato l’avvocato Claudio Falleti, che segue dal punto di vista legale le famiglie degli scomparsi, “dove, poco più di tre anni fa si sono perse le tracce di Raffaele Russo, Antonio Russo e Vincenzo Cimmino, rapiti e consegnati a un boss del Cártel Jalisco Nueva Generación da quattro poliziotti. Con il processo al via quest’oggi si spera di riuscire a fare insomma qualche ulteriore passo avanti in una vicenda che, dopo tre anni e ventidue giorni, continua a rimanere piena di dubbi ed incertezze.

Articolo PrecedenteModena, senzatetto chiedeva l’elemosina con una cagnolina: sequestrato il cucciolo
Prossimo ArticoloNuova Zelanda, attivano la lavatrice col bambino dentro: il piccolo muore
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.