Muore a 24 anni sulla strada per Portisco mentre andava a lavoro. “Non ci posso credere. Questa cosa non me la dimenticherò mai”. Continua a scuotere il capo e a piangere. Accanto a lui è arrivato il padre, che cerca di rincuorarlo.

Ma sa anche lui che è una tragedia troppo grande, che forse nemmeno il tempo potrà lenire. Il suo amico, Riccardo Dessì, 24 anni di Sant’Antonio di Gallura, è disteso per terra, sotto il lenzuolo bianco dei necrofori. I medici ne hanno già constato il decesso poco prima e si aspetta solo l’autorizzazione per portare via il corpo.

Un silenzio di riguardoso rispetto è calato sul lungo dell’incidente, avvenuto questa mattina, sulla strada tra San Pantaleo e Portisco. Si sentono solo più in lontananza le lacrime e il lamento dell’amico. “Fatemi andare là”, ripete. È una tragedia che tocca il cuore. Con Riccardo erano partiti questa mattina in moto da Sant’Antonio. Lo stava accompagnando al lavoro. Un’occasione per condividere la loro passione per le due ruote. Riccardo aveva iniziato il lavoro stagionale in Costa da alcune settimane.

Ma nella discesa verso Portisco l’immane tragedia. Un lutto che tocca da vicino tutta la comunità di Sant’Antonio, dove la famiglia di Riccardo era molto conosciuta. Il sindaco Carlo Duilio Viti si è recato direttamente sul luogo dell’incidente, insieme alla madre del 24enne, questa mattina.