Multata dalla polizia per aver denunciato l’ex per stalking, viene uccisa barbaramente dall’uomo

0
Multata dalla polizia per aver denunciato l’ex per stalking.

Multata dalla polizia per aver denunciato l’ex per stalking. Shana Grice, 19 anni, è stata uccisa da Michael Lane nella sua casa di Brighton, nell’East Sussex, il 25 agosto 2016. La giovane aveva denunciato l’uomo in almeno sei diverse occasioni prima di quel giorno. Tutte accuse cadute nel vuoto. Il caso è tornato alla ribalta in questi giorni a seguito dell’uscita di un documentario sulla tragica storia della ragazza.

Una 19enne inglese è stata uccisa dal suo ex partner dopo che la giovane lo aveva denunciato alle autorità per stalking in ben cinque occasioni. Ma invece di aiutarla, la polizia del Sussex ha preferito multare Shana Grice per 90 sterline (circa 105 euro) per aver “fatto perdere tempo agli agenti” in un’occasione. Stando a quanto ricostruito, la ragazza aveva denunciato il suo ex partner Michael Lane, 27 anni, per averla pedinata in diverse occasioni in un periodo di sei mesi prima che le tagliasse la gola e cercasse di bruciarle il corpo nella sua casa di Brighton, nell’East Sussex, il 25 agosto 2016. L’uomo è stato condannato a 25 anni.

Il caso di Shana Grice
Il caso è tornato alla ribalta negli ultimi giorni. Durante il documentario di Sky Crime Murder andato in onda sabato, Tom Milsom dell’Independent Office of Police Conduct (IOPC), ha affermato che la polizia del Sussex non è riuscita a capire “la differenza tra un battibecco e un comportamento molesto”. “Quella ragazza aveva bisogno di essere ascoltata e non credo che sia successo. È stata delusa” ha aggiunto Milsom. Lo psicologo forense Kerry Daynes ha continuato spiegando come la tragica storia di Shana “esemplifichi il problema di certi atteggiamenti nei confronti delle vittime di sesso femminile, che spesso si traduce in donne troppo spaventate per denunciare i crimini”. “Questo è un omicidio davvero tragico e lo è soprattutto perché era evitabile”, ha detto, parlando al Sun. “Il caso rappresenta il motivo per cui le donne hanno poca fiducia nella polizia e perché spesso non denunciano incidenti perché non sono sicure che riceveranno l’aiuto di cui hanno bisogno” ha aggiunto.

La storia

All’età di 18 anni, Shana Grice aveva deciso di lasciare il suo fidanzato di lunga data Ashley Cooke e ha iniziato a frequentare Michael Lane per alcuni mesi in segreto. Ma preoccupata per quanto fosse diventato possessivo, ha rapidamente interrotto la relazione, riallacciando i rapporti con Ashley. Non disposto a lasciar perdere, Michael ha continuato a bombardare Shana con messaggi, le ha tagliato le gomme dell’auto e ha persino vandalizzato il veicolo di Cooke con una nota che diceva: “Shana ti tradirà sempre. Felice anno nuovo”. Lane ha poi acquistato un dispositivo di geolocalizzazione e l’ha montato sul paraurti dell’auto di Shana in modo da poter seguire i suoi movimenti. Così facendo in un’occasione è riuscita a rubarle le chiavi di casa.

L’ex diventa stalker
Nel febbraio 2016, preoccupata per la sua sicurezza, Shana ha chiamato la polizia e Lane ha ricevuto una prima segnalazione. Poi, solo un mese dopo, Lane ha seguito Shana, l’ha presa per i capelli e ha cercato di prenderle il telefono. La giovane si è subito recata da Ashley dove ha chiamato la polizia. Tuttavia, quando gli agenti sono arrivati sul posto, la ragazza ha preferito non denunciare il ragazzo. Così gli agenti hanno emesso nei confronti di Shana un richiamo ufficiale per aver fatto perdere tempo alla polizia. “In quell’occasione la ragazza era coi suoi genitori, forse se fosse stata da sola sarebbe stata più disponibile a rivelare determinati dettagli” ha detto Milson nel documentario.

L’omicidio
Il 9 luglio, Shana ha detto alla polizia che Lane aveva rubato una chiave di casa sua e si era è intrufolato nella sua camera da letto e ha controllato se stesse dormendo. Nella terrificante telefonata registrata dalla giovane, che è stata riprodotta durante il documentario, Lane spiega: “Volevo vederti e sapevo che non mi avresti fatto entrare. È solo che non ho la testa a posto, altrimenti non lo farei mai”. Il 27enne è stato arrestato, ma nonostante ci fossero prove del fatto che stesse perseguitando la sua ex ragazza, se l’è cavata con un avvertimento formale. Il giorno seguente Shana ha chiamato la polizia per riferire di aver ricevuto circa sette telefonate da un numero nascosto, incluso una chiamata con “respiro affannoso”. Ha detto agli agenti: “Sono piuttosto spaventata perché succederà di nuovo. Non voglio che succeda la stessa cosa domani mattina. Devo guardare su e giù per la strada anche prima di entrare in macchina”.

Un mese dopo, il 25 agosto 2016, Shana è stata trovata con la gola tagliata nella sua camera da letto piena di fumo nel bungalow che condivideva con due coinquilini a Brighton. Dopo che sono emerse evidenti prove che lo collegavano all’omicidio della 19enne, Lane ha provato a difendersi sostenendo di essersi recato a casa della ragazza e di averla trovata morta, ma non ha dato l’allarme perché temeva che le autorità lo avessero incolpato: è stato condannato a scontare un minimo di 25 anni di carcere.

Articolo PrecedenteNapoli, aggredito mentre suona in strada per pochi spiccioli: gli hanno rotto la chitarra
Prossimo ArticoloMalore mentre è a cena da amici, Francesca muore improvvisamente a 24 anni: giallo sulle cause
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.