Morto in piscina a 6 anni, il dolore del papà: “Non si sarebbe mai tuffato, vogliamo la verità”

0
Morto in piscina a 6 anni, il dolore del papà.

Morto in piscina a 6 anni, il dolore del papà. Vogliono la verità i genitori del piccolo Christian, il bimbo di sei anni morto in una piscina a San Pietro in Gu, nel Padovano. Il piccolo è stato soccorso dopo essere stato trovato privo di sensi in acqua ma è deceduto poco dopo in ospedale. “Non sapeva nuotare, non si sarebbe mai tuffato – le parole del papà Emanuele – vogliamo capire cosa sia accaduto”.

Sono parole pregne di dolore quelle pronunciate da papà Emanuele che il giorno dopo la tragedia che ha portato via il figlio di soli 6 anni, Christian, vuole capire cosa sia accaduto in quella piscina di San Pietro in Gu, nel Padovano, dove si era recato con la compagna e l’altra figlia di soli 8 mesi per trascorrere una giornata fuori porta. Christian, che tra poco avrebbe compiuto sette anni, non è tornato a casa a Limena, doveva viveva con la famiglia ma è morto in una delle vasche di “Conca Verde”.

“Christian non vedeva l’ora di andare in piscina – spiega Emanuele Menin – verso l’ora di pranzo si è allontanato dalla nostra postazione dicendo che sarebbe andato a giocare un attimo con un amichetto. Era un bambino pacato, non sapeva nuotare, non si sarebbe mai tuffato in acqua”. Il dubbio è che qualcuno, secondo il papà, possa averlo spinto in acqua o forse è scivolato. Sulla dinamica dell’accaduto sono al lavoro i carabinieri che stanno tentando di capire come il piccolo sia finito in acqua e se i soccorsi siano stati tempestivi. La prima a intervenire, così come spiegato dai titolari della struttura acquatica, è stata una bagnina che si è accorta della presenza del piccolo in acqua: era riverso a pancia in giù e la 22enne si è tuffata immediatamente per tirarlo fuori e prestargli soccorso. Poco dopo l’arrivo del personale del 118 e di un elicottero che ha trasportato il piccolo Christian nel vicino ospedale dove è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva per poche ore prima di morire.

“Non abbiamo capito bene cosa sia successo. I soccorsi del 118 hanno fatto il possibile, anche gli addetti della piscina quando se ne sono accorti. Ma il nostro dubbio è che lo abbiano fatto tardi – ha continuato il papà – il nostro timore è che una maggiore attenzione avrebbe potuto salvarlo. Saranno le indagini a dirlo. Noi ancora non ci capacitiamo di quello che è successo, non riusciamo a crederci, è un dolore troppo grande da assorbire”. L’autopsia, disposta dal magistrato di turno che ha aperto un’inchiesta, chiarirà i motivi del decesso ed escluderà eventualmente un malore per il piccolo Christian.

Articolo PrecedenteIl cadavere trovato a Temù è senza vestiti e con la testa rasata: perché può essere Laura Ziliani
Prossimo ArticoloL’apocalisse climatica è già qua. E dobbiamo fare di tutto perché i nostri nipoti possano uscirne
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.