Morto bimbo di 4 anni: ha inalato una puntina da disegno in casa, gli ha perforato un polmone

0
Morto bimbo di 4 anni: ha inalato una puntina da disegno in casa, gli ha perforato un polmone.

Morto bimbo di 4 anni: ha inalato una puntina da disegno in casa, gli ha perforato un polmone. Axel ha inalato una comune puntina domestica mentre si trovava con la mamma e il papà nella sua casa di Graham, nello Stato USA di Washington. Il minuscolo oggetto gli ha trafitto il polmone sinistro, impedendo al bimbo di respirare. La famiglia Rutherford ora sta esortando gli altri genitori che studiano e lavorano a casa a stare attenti per evitare tragedie simili.

Una mamma devastata dal dolore sta avvertendo altri genitori che “studiano o lavorano a casa” di rimanere vigili dopo che suo figlio di quattro anni ha perso la vita inalando una puntina da disegno. Ayla Rutherford si stava facendo la doccia il mese scorso quando ha sentito gli membri della famiglia urlare al piano di sotto nella loro casa di Graham, nello stato USA di Washington. Si è precipitata giù per trovare suo marito Josh, 29 anni, che eseguiva la manovra di Heimlich sul loro bambino, Axel, senza alcuna idea di cosa gli fosse successo. Nonostante gli sforzi, il piccolo ha perso conoscenza e ha iniziato a diventare cianotico ed è stato costretto a ricovero in ospedale.

“I medici ci hanno detto che, poiché è stato senza ossigeno per così tanto tempo ed è andato in arresto cardiaco cinque volte, non sarebbe tornato come prima” ha detto la madre, 29 anni, a Metro.co.uk. “Ci hanno detto di non sperare, ma lo abbiamo fatto lo stesso” ammette la donna. Axel è rimasto in ospedale per tre giorni ma non è riuscito a riprendersi. Ai suoi genitori è stato detto che i medici avrebbero fatto elettroencefalografia, un test per decretare la morte cerebrale dl bambino che richiedeva due scansioni, a 12 ore di distanza. Ayla dice che suo figlio “ha cercato di prendere fiato” dopo che il supporto vitale al quale era collegato è stato disattivato, e dopo aver visto la sua pupilla contrarsi leggermente, il medico non è stato in grado di confermare che fosse cerebralmente morto. La coppia ha dovuto ripetere il calvario, con l’intera famiglia che si è presentata per un secondo test intorno a mezzanotte del giorno successivo.

Ayla ha detto: “Stavamo pregando molto intensamente. Ho pensato: ‘per favore, non prendere il mio bambino. Non portarlo via da me'”. Ma la coppia ha ricevuto la devastante notizia che il loro secondogenito non sarebbe sopravvissuto. I medici hanno dichiarato la morte cerebrale di Axel poco dopo le 13.30 del 17 gennaio. La famiglia ha celebrato una cerimonia commemorativa e lo ha cremato sabato 6 febbraio. Ayla e Josh hanno quindi dovuto dare la notizia sconvolgente a Soren, sei anni, che aveva appena festeggiato il suo compleanno senza suo fratello. Sua madre affranta ha detto: “Quel giorno siamo tornati a casa, io e suo padre lo abbiamo fatto sedere e gli abbiamo detto che Axel era morto. Abbiamo preferito usare parole vere. Non gli dici che se n’è andato. Gli dici che è morto. Usi parole vere, anche se fanno male. Abbiamo dovuto spiegare che è con Gesù e non è più malato, ma non sarebbe più tornato a casa. Ha pianto per cinque minuti poi ha detto: ‘Voglio andare a guardare la TV'”. Ha bisogni speciali e non capiva davvero. Oggi stavamo facendo scuola a casa e mi ha chiesto quando sarebbe tornato a casa”.

Articolo PrecedenteDa Moderna il primo vaccino contro la variante sudafricana del Coronavirus
Prossimo ArticoloSassari, positivo al Covid dopo 40 giorni in ospedale: ora è in coma e rischia la vita
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.