Monia, che ha partorito mentre era positiva al Covid ed è finita in rianimazione: “Virus bastardo”

0
Monia, che ha partorito mentre era positiva al Covid ed è finita in rianimazione.

Monia, che ha partorito mentre era positiva al Covid ed è finita in rianimazione. La storia di Monia, neomamma di Turi, che ha dato alla luce la sua bambina mentre era positiva al virus e per colpa del quale è finita per qualche giorno nel reparto di rianimazione. Oggi è tornata a casa ma ancora non ha potuto abbracciare la figlia: “È un virus bastardo, che ti manda il conto dei suoi sintomi ogni giorno, anzi, ad ogni ora la tua situazione può cambiare, può peggiorare improvvisamente.

“Mi sono ammalata di Covid quando ero alla 34esima settimana di gravidanza. È un virus bastardo, che ti manda il conto dei suoi sintomi ogni giorno, anzi, ad ogni ora la tua situazione può cambiare, può peggiorare improvvisamente”. Comincia così il lungo post che Monia, neomamma Turi, in provincia di Bari, ha pubblicato sulla propria bacheca Facebook. Poche righe che, rilanciate anche da sindaco di Casamassima, Giuseppe Nitti, hanno fatto ben presto il giro del web. Quando ha dato alla luce, prematuramente, la sua bambina era positiva al Covid e le sue condizioni sono peggiorate al tal punto da richiederne il ricovero nel reparto di rianimazione. Oggi è a casa, ma la paura è stata tanta, ed è stata proprio Monia a raccontarla.

“Mi sono ritrovata in sala operatoria per un taglio cesareo d’urgenza – ha detto -. Un attimo prima ero alla 34esima settimana di gravidanza, potevo sentire la mia bambina muoversi dentro di me al sicuro ed al caldo, un attimo dopo ero diventata mamma, inaspettatamente ed improvvisamente…ed anche miracolosamente…È un virus bastardo anche perché, in un attimo, può toglierti tanto, o peggio, può toglierti tutto. A me ha tolto tanto: la gioia di diventare madre per la prima volta, la possibilità di stringere a me la mia bambina fin da subito, di poterla allattare, di poterle accarezzare il suo dolce e piccolo viso, di tenerle le manine, di sentire il suo profumo, di guardarla dormire serena accanto a me, la possibilità di condividere questo stupendo momento con mio marito o con i miei familiari e amici. Non ti toglie solo il respiro, ti toglie anche le forze e le energie, che recuperi solo dopo giorni dalla guarigione”. Monia, dopo il parto, è stata per qualche giorno nel reparto di rianimazione. Ora è tornata a casa dal marito, ma essendo ancora entrambi positivi, non hanno potuto abbracciare la piccola.

“Non credo che dimenticherò mai quello che ho visto attorno a me – ha aggiunto -. Ho sentito l’ultima chiamata di una nonna, di una zia, di una mamma, alla sua famiglia, prima del suo ultimo respiro. Ero accanto a lei quando chiedeva aiuto perché non riusciva a respirare, quando ha fatto quell’ultima chiamata, quando l’hanno portata via. Il virus è ancora tra noi e la gente sta morendo, improvvisamente e in solitudine. Abbiamo il dovere morale, soprattutto nei riguardi di chi non ce l’ha fatta e di chi sta soffrendo per una prematura scomparsa, di proteggerci e di proteggere i nostri cari dal contagio. Non possiamo continuare a giustificarci con “era anziano”, “aveva quella patologia”… Non possiamo continuare a non rispettare le regole, a sottovalutare quanto questo virus possa essere bastardo e possa toglierti tutto in attimo, a chiederci se fa tutto parte di un complotto. Dovremmo lamentarci di meno e ringraziare di più perché siamo vivi, perché i nostri parenti stanno bene, perché tra quei numeri che guardiamo distrattamente in televisione non ci sono conoscenti o parenti o io stessa. E sperare che ci vada bene fino alla fine di questo incubo”.

Articolo PrecedenteProva gioco erotico estremo: 17enne muore soffocato per asfissia autoerotica
Prossimo ArticoloDALLA SCUOLA DEL CIOCCOLATO PERUGINA LE IDEE PER 1 MERITATA MERENDA CON RICETTE FACILI E VELOCI.
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.