Migranti: una primavera senza fine

0

A tripoli si combatte, lo si fa per le strade, tra i quartieri residenziali, e per le vie del centro.

Uno scontro senza sosta, che dura ormai da anni. Una nuova primavera araba o la solita guerriglia senza fine? Tanti i libici in fuga, tra loro migliaia di altri africani fuggiti da troppe guerre sparse su tutto il continente equatoriale.

La Spagna tiene duro tentando di accogliere chi può, diventando la nuova Germania. Diversi commissari Europei la elogiano: gli iberici ce la stanno mettendo tutta, aprendo i porti e cercando di accogliere, per quanto possibile, i tanti in arrivo da sud.

L’Italia, di contro, si trova in una posizione di stallo, con un governo spaccato in due, con l’europa che preme per sanzionare Orban e con una commissione Onu pronta a valutare quanto il nostro paese sia conforme ai trattati siglati in passato.

Le Nazioni Unite, organizzazione internazionale di cui facciamo parte, hanno inviato una commissione per controllare di persona quanto l’Italia stia svolgendo i propri compiti di porta dell’Europa sul Mediterraneo nel rispetto dei diritti umani di cui si è fatta portavoce per anni.

Il Ministro dell’interno replica amareggiato ma con poca enfasi, conscio del pericolo istituzione che corre per suo conto e per conto dell’intero paese. Le uniche dichiarazioni di Salvini si fermano all’ennesima minaccia di tagliare i fondi all’organizzazione. Un’ammonizione ufficiale da parte dell’Onu porterebbe con se non pochi problemi, dalle sanzioni economiche all’instabilità finanziaria. Anche la Farnesina si pronuncia, denunciando l’infondatezza dell’accusa. I dubbi rimangono, sopratutto sul trattamento verso le ong spalleggiate dall’organizzazione governativa internazionale.

I due partiti della coalizione al governo, nel frattempo, si stanno spaccando, con un ritorno in campo di Di Battista, voce grossa dei 5 stelle, intento a riportare un po di umanità tra le fila del suo schieramento. L’Europa stessa mette zizzania in maggiornaza, chiedendo uno schieramento chiaro e preciso verso i comportamenti Ungheresi. I grillini sono a favore di un sanzionamento di Orban, i leghisti, logicamente no. Ora un dubbio potrebbe attanagliare i milioni di votanti in Italia: come è possibile che un partito con meno del 20% dei consensi possa far la voce grossa contro il suo compagno di coalizione con più del 30%. Ricatti politici e democrazia non vanno di pari passo.

Il caso Diciotti, per suo conto, prosegue la sua strada mediatico-giudiziaria. Circa 70 richiedenti asilo son scappati dai centri assegnatigli, alcuni sono stati ritrovati alla frontiera francese. Il sistema d’accoglienza non sta funzionando al meglio e l’Italia rimane sempre e comunque un paese di transizione. Si aspettano le novità da Berlino, per un nuovo accordo con cui, si spera, la nostra nazione non rimanga sola nel Mediterraneo.

Anche la Sardegna inizia a lamentarsi dei pochi barchini arrivati, trovando la forza di produrre un appello. Il totale degli sbarcati negli ultimi giorni tocca la quota di 42 persone. A Lampedusa ne arrivano il doppio quasi ogni giorno. Gli Europarlamentari sardi hanno il tempo di preoccuparsi di piccoli avvenimenti che fanno notizia, contro i grandi problemi che attanagliano la loro regione ma che purtroppo risultano meno considerati dalla stampa.

(foto: Tripoli nel 2016)

Articolo e foto a cura di Andrea Mignogna

PAGINA UFFICIALE

BLOG UFFICIALE

SITO UFFICIALE

 

Articolo PrecedenteIl Giappone sta per testare un prototipo di ascensore spaziale
Prossimo ArticoloCosa fa Fincantieri, l’azienda a cui il governo vuole affidare la ricostruzione del ponte Morandi
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.