Migranti: il crollo del mito propagandistico

0

Le ong sono sparite, ma gli sbarchi continuano. Finalmente gli amanti del carroccio hanno, nero su bianco, la realtà sbattuta in faccia.

Nelle ultime settimane nessuna ong ha potuto operare nelle acque internazionali tra l’Africa e l’Italia, risultato? I barconi continuano ad arrivare. Non se ne sa nulla, non se ne parla, il governo giallo-verde è troppo impegnato a capire come sperperare miliardi di euro in un traforo alpino. Ma al sud le barche arrivano, dalla Libia si scappa ancora e Lampedusa è alla deriva. Il mito propagandistico è ormai morto, ma non c’è spazio per dimostrarlo, è stato tutto fagocitato dalla combutta No Vax e dagli investitori Pro Tav.

L’Europa è ormai in mano ad un’inedita destra che non ha nulla a che vedere con principi e ideologie moderne. Ben vengano gli schieramenti, ben venga una politica sana, creando del buono da entrambe le parte, ma qui siamo alla recessione neonazzista, siamo all’esaltazione pura dell’ignoranza. Ci sguazziamo col sorriso sulle labbra. Tra un nuovo bando e uno spray che chiude anche la Caritas abbandona la scialuppa di quelli che ancora ci provano, solo a Genova, con l’applicazione del nuovo decreto del Capitano si rischia di cacciar per la strada ben 900 rifugiati, asilo o non asilo. La quota di investimento pro capite è scesa sotto la soglia dei 22€ giornalieri. Son poche le cooperative che con quei soldi riescono a garantire vitto e alloggio ai rifugiati, non riuscendo neanche a pagar gli stipendi dei tanti italiani assunti nella filiera ricettiva.

L’ultimo report di Amnesty International, “Pushed to the edge”, denuncia L’Europa intera. Più di 5000 persone sono accampate al confine croato in territorio bosniaco. Tra loro anche donne e bambini. Il documento pubblicato da A.I. racconta di abusi e violenze, di forze di polizia violente interessate alla sola salvaguarda degli accordi legati a Shengen che ai diritti fondamentali dell’uomo. Trenta pagine di disperazione, trenta pagine di cruda realtà a pochi chilometri dai nostri confini. Il diktat europeo è ben chiare, le grandi potenze non sono disposte ad accogliere più nessuno. Al diavolo l’umanità, al diavolo i sani principi. Qui l’inferno è tangibile con mano, e lo si può osservare dai balconi delle nostre abitazioni.

Articolo PrecedenteErgastolo ai due carabinieri che uccisero il titolare durante una rapina in un supermercato
Prossimo ArticoloPalermo, sparatoria al quartiere Zen: uccisi padre e figlio
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.