Migranti, dopo 8 mesi una mamma riabbraccia il figlio di 5 anni smarrito nella traversata

0
Migranti, dopo 8 mesi una mamma riabbraccia il figlio di 5 anni smarrito nella traversata.

Migranti, dopo 8 mesi una mamma riabbraccia il figlio di 5 anni smarrito nella traversata. Un viaggio attraverso il Mediterraneo e otto mesi lontani: dopo numerose peripezie una madre e il figlio di cinque anni sono riusciti a riabbracciarsi. È una storia commovente, ma a lieto fine, quella raccontata dal Comune di Reggio Emilia, che ha permesso a una mamma di ritrovare il suo bambino dopo che i due erano stati separati in Tunisia finendo su due barconi diversi.

Dopo una traversata del Mediterraneo e otto mesi lontani, finalmente una mamma e suo figlio di appena cinque anni si sono potuti riabbracciare. La loro storia è stata raccontata dal Comune di Reggio Emilia: “Una mamma che riabbraccia il suo bambino, “disperso” in un naufragio diversi mesi fa. Si sono rincontrati ieri, grazie al lavoro dei Servizi Sociali di Reggio Emilia, che ringrazio di cuore per il loro impegno, costante e silenzioso. In questo 2020 così difficile, questo abbraccio è uno dei regali di Natale più belli per tutti noi”, ha scritto il primo cittadino Luca Vecchi, pubblicando la foto dell’emozionante incontro.

Tutto ha inizio lo scorso giugno, quando una giovane donna si presenta insieme al figlio presso il pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria. Dice di venire dalla Costa d’Avorio e che il suo bambino non sta bene. La ragazza poco dopo ammette di non essere la madre del piccolo: prima dice di essere la zia e infine racconta che si tratta del figlio di un’altra donna, conosciuta durante il lungo viaggio dalla Costa d’Avorio alla Tunisia, alla ricerca di un futuro migliore.

Dalla Tunisia le due donne avrebbero dovuto prendere una barca per l’Italia, ma nella folla, madre e figlio sono stati separati e si sono ritrovati su imbarcazioni diverse. Il bambino era stato affidato alla giovane donna, chiedendole di rimanere con lui sino all’arrivo in Europa. E così la ragazza era sbarcata a Reggio Emilia insieme a un bimbo non suo. I due erano stati subito condotti in una struttura di accoglienza che ospita donne e bambini, mentre la vera madre del piccolo, sbarcata in Italia ad agosto, era finita in un centro ad Agrigento.

Da lì era comunque riuscita a mettersi in contatto con l’amica e da quel momento era riuscita a videochiamare il figlio un paio di volte. Dopo molti passaggi burocratici, finalmente le istituzioni sono riuscite a permettere a madre e figlio di riabbracciarsi. Ora l’ultima parola spetta al Tribunale, a cui tocca stabilire come mamma e figlio possano vivere sotto lo stesso tetto.

Articolo PrecedenteSardegna: morto dopo un volo di 50 metri da un dirupo, stava inviando un filmato alla figlia
Prossimo ArticoloDe Luca e il vaccino Covid: idea giusta realizzata in un modo sbagliato
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.