Il vicecomandante dei Vigili del Fuoco di Baselga del Bondone, frazione di Trento, Stefano Tabarelli de Fatis, è morto all’età di 29 anni nel pomeriggio di giovedì 12 dicembre. Il pompiere ha avuto un malore improvviso nel pomeriggio, inutili i tentavi di soccorso. Tantissimi i messaggi di cordoglio su Facebook.

Il corpo dei Vigili de fuoco è in lutto per la improvvisa dipartita Stefano Tabarelli de Fatis vicecomandante dei pompieri di Baselga del Bondone, frazione del comune di Trento. Aveva solo 29 anni ed è morto nel pomeriggio di, giovedì 12 dicembre. Il giovanissimo pompiere ha avuto un malore improvviso intorno alle ore 15:30. Tutto sarebbe cominciato con un banale mal di testa terminato purtroppo con il decesso di Stefano. La sua scomparsa ha gettato l’intera popolazione di Baselga nel dolore e ha sconvolto anche i tanti colleghi che lavoravano al suo fianco. Il 29enne era anche macchinista sui treni, sempre pronto a intervenire nei casi di pericolo. Lascia la fidanzata Arianna la sorella di 28 anni Debora e due genitori con i quali viveva.

Una nota diffusa dai colleghi dei corpi dei Vigili del Fuoco di Baselga esprime profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia e alla fidanzata Arianna: “Abbiamo tutti perso un amico…Un grande amico, Ciao Taba Il tuo comandante e amico Gianluca“. Il suo profilo Facebook, in queste ore, è assalito da dediche e cordoglio dei tantissimi amici e conoscenti che sono rimasti sconvolti dalla sua scomparsa. “Che brutto scherzo ci hai fatto… – scrive un’amica di Stefano -. Stavolta invece delle nostre tante risate, ci hai fatto piangere tutte le nostre lacrime… Guida i nostri treni dal cielo adesso… I nostri cuori daranno sempre il pronti al tuo ricordo… Ciao, Maestro!“. Stefano era entrato nei vigili del fuoco da giovanissimo nel 2009.