Temporali e generale crollo termico: ecco il malinconico scenario per il prossimo fine settimana

Pensavamo che il caldo potesse durare qualche giorno in più ed invece nuovamente l’anticiclone collasserà prima del previsto sotto la spinta delle correnti nordatlantiche questa volta addirittura dalla Groenlandia. Nemmeno il tempo dunque di annunciare i dolci tepori di una rinnovata malinconica estate, che una nuova perturbazione proveniente dal Nord Europa farà il suo ingresso sul nostro Paese e le avvisaglie di questo ennesimo cambiamento del tempo le avvertiremo già entro la serata di Giovedì 30 e da Venerdì 31 Agosto, ma la svolta più marcata ci sarà nel weekend. Il promontorio anticiclonico africano che ci ha tenuto compagnia nella prima parte di quest’ultima settimana di Agosto, inizia a indebolirsi, e nelle prossime ore noteremo le prime avvisaglie di una nuova svolta del tempo. Una perturbazione proveniente dal Nord Europa va avvicinandosi infatti al nostro Paese e sarà responsabile di un deciso peggioramento. Vediamo insieme gli ultimi aggiornamenti per il prossimo weekend, il primo del mese di Settembre.

La giornata di Sabato 1, che darà il via all’autunno meteorologico, sarà all’insegna di una forte instabilità, con temporali diffusi e localmente anche intensi al Nordest e sulla Lombardia orientale; ci sarà anche il rischio di nubifragi, specie sulle coste emiliano romagnole; qualche pausa più asciutta sul Piemonte, sulla Lombardia occidentale e sulla Liguria. Precipitazioni interesseranno inoltre, nel corso della giornata, Toscana, Umbria e Marche, le coste abruzzesi e molisane, nonché le aree tra Lazio e Campania; andrà meglio sui restanti settori, con ampio soleggiamento. Tra Sabato notte e l’alba di Domenica tornerà la NEVE sulle Alpi Lombarde, sullo Stelvio e poi sulle Dolomiti del Trentino Alto Adige e del Veneto addirittura a quota 1500-1600 metri, quindi poco sopra e attorno a Cortina d’Ampezzo.

Domenica 2 la situazione non accennerà a migliorare, con il vortice ciclonico che influenzerà ancora il tempo sull’Italia; la giornata festiva infatti vedrà rovesci piuttosto diffusi sulle regioni centro-settentrionali, anche se avremo decisamente maggiori schiarite al Nordovest. Bel tempo prevalente al Sud, tuttavia non si escludono dei piovaschi sul Gargano e sulle aree interne della Campania.

Tra Domenica pomeriggio-sera e Lunedì 3 Settembre potrebbe aggravarsi ulteriormente tutto lo scenario meteorologico in concomitanza con la discesa dal mare del Nord di un nocciolo di aria ancor più fredda che valicherà le Alpi sia dalla Valle del Rodano sia dalla Porta della Bora.

La perturbazione farà sentire i suoi effetti anche dal punto di vista climatico, le temperature infatti subiranno un sensibile calo, con valori in picchiata anche di 10°C, che si porteranno sotto la media del periodo un po’ su tutto il nostro Paese. Il clima risulterà dunque particolarmente fresco, specie dove piovoso, ma frizzante anche dove ci sarà il sole. Sarà dunque un fine settimana decisamente autunnale, con l’estate che sembrerà salutarci definitivamente, proprio in concomitanza con il termine meteorologico della stagione; tuttavia, in seguito, l’alta pressione potrebbe tornare per regalarci qualche altro colpo, fuori tempo massimo, di un’estate davvero dinamica.