Messina, picchiava a sangue la nonna per farsi dare soldi. Lei si ribella e lo fa arrestare

0
Messina, picchiava a sangue la nonna per farsi dare soldi

Messina. L’ultima volta, ed è questo che ha spinto l’anziana a chiedere aiuto ai carabinieri, l’aveva afferrata per il collo, tanto da farle perdere il respiro. È accaduto a Messina, dove il 32enne violento è stato arrestato prima dell’irreparabile. Ora è in carcere.

Le chiedeva soldi in continuazione e, quando l’anziana non riusciva ad accontentarlo, la colpiva con calci, pugni e schiaffi fino a mandarla a terra. L’ultima volta l’aveva afferrata per il collo, tanto da farle perdere il respiro. E così la nonna ha deciso di rivolgersi ai carabinieri. I militari della Stazione di Messina Bordonaro hanno arrestato per il reato di estorsione e lesioni personali aggravate un 32enne messinese, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Messina, su conforme richiesta della Procura della Repubblica di Messina che ha coordinato le indagini avviate dagli uomini dell’Arma su denuncia della vittima.

Stando agli investigatori, nel corso di mesi, la nonnina erano state fatte continue e insistenti richieste di denaro dal parte del giovane nipote per soddisfare le proprie esigenze personali. La poveretta viveva in un clima di sottomissione e paura e in uno stato di avvilimento e disagio. Quando la donna non riusciva a soddisfarle o si rifiutava, erano botte da orbi. In più di un’occasione, il nipote dopo aver preso la nonna a calci e pugni, avrebbe continuava a infierire anche quando la sventurata era ormai a terra inerme, dolorante. Una volta la signora ha anche rischiato d’essere uccisa per soffocamento. Così la vittima s’è decisa a denunciare il parente-aguzzino, che adesso è rinchiuso nel penitenziario messinese di Gazzi.

 

Articolo Precedente‘Ndrangheta, arrestati dopo 40 anni i killer di Santo Nigro: ucciso perché non pagava il pizzo
Prossimo ArticoloPadova. Litigano sui binari, un treno passa e li travolge: morti un uomo ed una donna
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.