Messico, morta durante fermo di polizia: Victoria Salazar e la figlia subivano violenze dal compagno

0
Messico, morta durante fermo di polizia: Victoria Salazar e la figlia subivano violenze dal compagno.

Messico, morta durante fermo di polizia: Victoria Salazar e la figlia subivano violenze dal compagno. Subiva maltrattamenti dal compagno che avrebbe abusato anche di una delle sue due figlie, Victoria Esperanza Salazar, la donna di 36 anni uccisa durante un fermo di polizia lo scorso 26 marzo a Tulum, in Messico. Per questo si era rifugiata in un ostello: la notizia è stata diffusa dal presidente del Salvador e confermata dal governatore dello Stato di Quintana Roo, Carlos Joaquin, che ha fatto sapere che il compagno di Victoria è stato intanto arrestato.

Una violenza nella violenza. La definisce così Nayib Bukele, presidente del Salvador, la storia di Victoria Esperanza Salazar, la donna salvadoregna morta durante l’arresto da parte della polizia messicana nella città di Tulum. Nelle indagini aperte dopo il suo decesso infatti, gli inquirenti hanno scoperto che la 36enne, madre di due ragazzine di 15 e 16 anni, aveva denunciato il suo compagno per violenza. Abusi che avrebbe subito anche una delle due figlie, tanto che la donna si era allontanata da casa nelle scorse settimane cercando rifugio altrove.

Si era rifugiata in un ostello per scappare dal compagno violento

“Victoria lo ha denunciato settimane fa e ha portato sua figlia in un ostello per proteggerla dall’aggressore. Sfortunatamente nessuno avevo agito finora – scrive il presidente salvadoregno in un lungo post Facebook – inoltre la figlia maggiore di Victoria non è stata localizzata. La principale ipotesi è che sia fuggita dall’aggressore di sua sorella (che probabilmente avrebbe anche abusato di lei). E non sappiamo ancora se sia stata informata dell’omicidio di sua madre”. Una vicenda quella degli abusi confermata dal governatore dello Stato di Quintana Roo, Carlos Joaquin, che ha fatto sapere che il compagno di Victoria è stato intanto arrestato.

Victoria era una rifugiata di El Salvador residente in Messico dal 2018
Victoria, originaria del Salvador, ma residente in Messico da due anni con un visto umanitario, in quanto rifugiata, è morta sabato 26 marzo a Tulum, nello Yucatan, durante un fermo da parte della polizia locale. Gli agenti, intervenuti dopo la chiamata di un negoziante che ha denunciato la 36enne per ubriachezza molesta e disturbo della quiete pubblica, una volta giunti sul posto hanno bloccato la donna e l’hanno immobilizzata sull’asfalto premendole con forza sul collo. Una scena ripresa da un passante in un video poi condiviso sui social e diventato la prova di un’inchiesta aperta successivamente sulla morte della donna. Tante le proteste nate nello Stato messicano, dove a novembre la polizia aveva usato munizioni vere per disperdere una manifestazione contro le violenze sulle donne.

La madre di Victoria: giustizia per mia figlia
“Hanno preso mia figlia, l’hanno torturata. Si sentono le sue urla – le parole di Rosibel Emérita Arriaza, la mamma di Victoria – le hanno tirato il collo e rotto le vertebre. Nessun essere umano merita di morire così. So che non riavrò mia figlia, so che mi resteranno solo i ricordi. Chiedo solo giustizia nei confronti di quelle quattro persone, che affrontino le conseguenze della legge”. La donna ha appreso della morte della figlia dalla stampa. Intanto la polizia ha diffuso un identikit della figlia affinché qualcuno possa fornire informazioni utili al suo ritrovamento.

Articolo PrecedenteViene stuprata a 16 anni e la famiglia la costringe a sfilare pubblicamente legata al suo aggressore
Prossimo ArticoloApprovato il primo vaccino Covid per animali: il Karnivak-Kov genera anticorpi nel 100% dei casi
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.