Medico allergico ai crostacei sviluppa grave reazione al vaccino di Moderna: cos’è successo

0
Medico allergico ai crostacei sviluppa grave reazione al vaccino di Moderna.

Medico allergico ai crostacei sviluppa grave reazione al vaccino di Moderna. Dopo alcuni casi di reazioni allergiche severe al vaccino anti COVID di Pfizer-BionTech “BNT162b2”, è stato registrato il primo caso – al di fuori della sperimentazione clinica – anche per il vaccino mRNA-1273 di Moderna e NIAID. La reazione grave è stata sviluppata da un medico di un ospedale di Boston, immediatamente trattato dai colleghi con steroidi e altri farmaci. Dopo una notte al pronto soccorso ha superato la crisi.

Un medico del Boston Medical Center, il dottor Hossein Sadrzadeh, ha sviluppato una grave reazione allergica alcuni minuti dopo la somministrazione del vaccino anti COVID “mRNA-1273”, messo a punto dai ricercatori dell’azienda biotecnologica Moderna Inc. e del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID). Si tratta del primo caso verificatosi al di fuori degli studi clinici che ha visto il coinvolgimento della preparazione di Moderna-NIAID; fino ad oggi, infatti, erano noti solo sei casi di reazioni allergiche severe negli Stati Uniti e alcuni altri nel Regno Unito, tutti legati al vaccino “BNT162b2” sviluppato dalla casa farmaceutica Pfizer in collaborazione con la società biotecnologica tedesca BioNTech. Al momento il vaccino contro il coronavirus SARS-CoV-2 di Moderna è stato autorizzato solo dalla Food and Drug Administration (FDA) americana, ma presto dovrebbe arrivare l’approvazione per l’uso d’emergenza anche da parte dell’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA).

La spiacevole esperienza del dottor Sadrzadeh, raccontata dal New York Times, potrebbe essere legata alla sua forte allergia ai crostacei, che gli provoca reazioni anafilattiche analoghe a quella sperimentata dopo la somministrazione del vaccino. Sapendo di avere una predisposizione, il medico, uno specialista di patologie oncologiche geriatriche, aveva con sé la sua EpiPen personale, pronta all’uso nel caso in cui avesse sviluppato una reazione. Dopo l’iniezione, sentendo di andare incontro a uno shock anafilattico, ha chiesto immediatamente il permesso ai colleghi di auto-somministrarsi il farmaco. Il medico ha dichiarato di aver sviluppato una forte tachicardia con battiti arrivati a 150 al minuto (il doppio della sua frequenza normale), ha iniziato a sudare freddo e a sentirsi stordito e intorpidito, la sua lingua ha iniziato a formicolare divenendo insensibile e ha sperimentato un crollo della pressione sanguigna. Dopo l’auto-somministrazione con la EpiPen è stato portato immediatamente al pronto soccorso su una barella, dove i colleghi lo hanno trattato con altri farmaci tra i quali steroidi e Benadryl, al fine di contrastare la reazione immunitaria esagerata agli eccipienti del vaccino anti COVID. Nel referto si legge che il paziente è stato portato al pronto soccorso per “mancanza di respiro, vertigini, palpitazioni e intorpidimento dopo aver ricevuto il vaccino Covid-19”. Il medico, che ha dichiarato di provare la medesima reazione con il consumo di crostacei, si è ripreso nel corso della notte e il giorno successivo è pienamente uscito dalla “ribellione” del suo sistema immunitario.

Secondo gli esperti a causare la maggiore reattogenicità dei vaccini anti COVID di Pfizer e Moderna (entrambi preparazioni a mRNA), vi sarebbero le nanoparticelle lipidiche all’interno delle quali è presente l’informazione genetica necessaria per far sviluppare immunità contro la proteina S o Spike del coronavirus SARS-CoV-2. Come specificato in un articolo sulla prestigiosa rivista Science, reazioni allergiche severe sono state registrate in animali con le sole nanoparticelle, senza RNA messaggero caricato, pertanto si ritiene che siano proprio queste le “responsabili”. Come specificato al New York Times dal professor Merin Kuruvilla, allergologo e immunologo presso l’Università Emory, al momento negli Stati Uniti sono state somministrate oltre 1,1 milioni di dosi di vaccini anti COVID, e le reazioni allergiche come quella capitata al dottor Sadrzadeh sono estremamente rare. Pertanto non dovrebbero assolutamente scoraggiare le persone dal vaccinarsi. A maggior ragione se si ritiene che il medico era già fortemente allergico ai crostacei e che i CDC hanno dichiarato che i due vaccini potrebbero “non essere appropriati” per chi ha una storia di reazioni anafilattiche, in particolar modo per i medicinali e gli eccipienti contenuti nei vaccini.

Ricordiamo che la somministrazione dei vaccini viene effettuata da personale esperto che è pronto a intervenire con farmaci ad hoc – come nel caso del dottor Sadrzadeh e di una collega del Bartlett Regional Hospital, in Alaska – nel caso in cui si dovesse sviluppare una reazione allergica. Per questa ragione le persone vengono monitorare per una mezzora dopo le iniezioni.

Articolo PrecedenteGrazie al vaccino nel 2021 ci saranno oltre 30mila morti in meno per COVID in Italia
Prossimo ArticoloIn arrivo il vaccino Oxford-AstraZeneca: perché è la vera buona notizia per l’Italia
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.