Mantide di Casandrino di nuovo in carcere, questa volta per aver tentato di strangolare una persona. Dopo aver scontato la pena di 18 anni per aver ucciso il giovane fidanzato Salvatore Pollasto, nel 2003, Rosa Della Corte, 35 anni, è stata condannata di nuovo per aver tentato di strangolare un’agente mentre era reclusa nel penitenziario di Potenza, quando scontava ancora la sua pena.

Condannata a 13 anni di carcere per aver tentato di strangolare un’agente penitenziaria quando era in carcere. Non c’è fine alla vicenda giudiziaria di Rosa Della Corte, nota alle cronache come la ‘mantide di Casandrino’ che uccise dopo un rapporto sessuale il Salvatore Pollasto, il 4 aprile 2003. Dopo aver scontato la condanna per omicidio, infatti, Rosa che si era trasferita in Emilia Romagna per iniziare una nuova vita, ha ricevuto una condanna a 13 anni di carcere per aver tentato di strangolare con un laccio un’agente penitenziaria all’epoca in cui era reclusa nel carcere di Potenza. Nonostante il suo legale avesse cercato di derubricare il reato a ‘lesioni gravi’ per Rosa la Corte ha stabilito una pena detentiva di 13 anni.

Rosa, oggi 35enne, era stata trasferita nel penitenziario lucano dopo che, fuggita dal carcere di Borgo San Nicola durante un permesso premio, nell’agosto del 2014, era stata nuovamente catturata. Venne rintracciata ad Anzio in compagnia di un ragazzo salentino con il quale si era data alla fuga. Al suo ritorno in carcere, nella cella di Rosa gli agenti trovarono la lettera di un boss della camorra di Sant’Antimo. Dopo la scoperta la ragazza  venne trasferita nel penitenziario di Potenza.

Il delitto risale al 4 aprile 2003. Vittima, il giovanissimo Salvatore Pollasto, 24 anni, militare negli Alpini, all’epoca fidanzato di Rosa. Il corpo venne scoperto al mattino, alcune ore dopo l’accoltellamento, nella Ypsilon 10 di sua proprietà parcheggiata alla periferia del piccolo comune in provincia di Napoli. Salvatore aveva i pantaloni calati ed era morto da alcune ore quando è stato ritrovato. Gli inquirenti puntarono subito all’allora fidanzata Rosa Della Corte, 18 anni, studentessa all’alberghiero. Rinviata a giudizio per omicidio volontario, Rosa verrà condannata a 18 anni di carcere. Secondo la sentenza che ha ricostruito il delitto, la ragazza avrebbe ucciso in un impeto d’ira dopo che il fidanzato aveva interrotto un rapporto per l’ennesima scenata di gelosia. Rosa Della Corte salì agli onori delle cronache dopo l’intervista rilasciata a Franca Leosini per ‘Storie Maledette’ e andata in onda il 3 ottobre 2009.