Luigi Di Maio, il piano diabolico di Giuseppe Conte: come farà crollare il vicepremier

0

Negli archivi degli osservatori politici si fa fatica a trovare un caso come quello che sta mettendo in crisi il decreto dignità di Luigi Di Maio. Come riporta il Tempo, dai tecnici di palazzo Chigi è stato prodotto un documento critico nei confronti del decreto legge firmato da premier e vicepremier, usando toni mai così duri.

A bacchettare l’iniziativa che vuol essere fiore all’occhiello di Luigi Di Maio è stato il Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici della presidenza del Consiglio, che ha fatto le pulci al lavoro del dipartimento per gli affari giuridici e legislativi. E la beffa è stata che a metterlo online sia stato lo stesso staff del premier Giuseppe Conte.

Nel mirino dei tecnici sin dallo scorso 9 luglio c’è il punto che ha già fatto saltare i nervi a imprenditori e professionisti ci sono anche questioni lessicali, visto che quelle usate dai collaboratori di Di Maio non sembrano piacere granché. Ad esempio il passaggio in cui spiegano le “misure limitative dei fenomeni di delocalizzazione”, i tecnici di palazzo Chigi correggono: “l’obiettivo non appare coerente nella formulazione ed è probabilmente a intendersi ad esempio come contrasto ai fenomeni di delocalizzazione”. Peggio si va quando i tecnici entrano nel merito delle misure immaginate nel decreto per contrastare il precariato, per loro sarebbero nulle: “Sono indicatori insufficienti agli scopi sopra delineati”.

La mazzata più forte arriva alle conclusioni, quando vengono sottolineate tutte le parti che i diamaiani si sarebbero dimenticati. Per esempio non si dà conto “dell’impatto sociale ed economico del provvedimento sui destinatari. Non fornisce informazioni né sul numero e le tipologia dei destinatari, né sui costi di adeguamento e sui benefici attesi per i lavoratori e imprese che deriveranno dall’attuazione delle nuove disposizioni”. E siamo solo all’inizio.

 

Articolo PrecedenteEx dipendente di Facebook: IT divide l’umanità in quattro caste
Prossimo ArticoloPalazzo di giustizia Bari, Bonafede annuncia su Fb “approfondimenti”. Bagarre in aula. Poi le scuse
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.