Lui col Covid, lei malata di Alzheimer: muoiono lo stesso giorno dopo 63 anni di matrimonio

0
Lui col Covid, lei malata di Alzheimer: muoiono lo stesso giorno dopo 63 anni di matrimonio.

Lui col Covid, lei malata di Alzheimer: muoiono lo stesso giorno dopo 63 anni di matrimonio. Legati per un’intera vita, sono morti nello stesso giorno a distanza di dodici ore, prima lui che aveva diverse patologie e aveva anche contratto il Coronavirus, poi lei che era ricoverata con l’Alzheimer. Arriva da Riccione la storia di Lorenzo Borgognoni e Letizia Galvani, uniti in matrimonio da 63 anni e morti martedì scorso.

Insieme per 63 lunghi anni, due anziani coniugi di Riccione sono morti lo stesso giorno a distanza di 12 ore. Lui, Lorenzo Borgognoni, è morto dopo aver contratto il Coronavirus. A gennaio avrebbe compiuto 91 anni. La moglie Letizia Galvani, che di anni ne aveva quasi 87, era ricoverata con l’Alzheimer e si è spenta poche ore dopo il marito. A raccontare la loro storia è il Resto del Carlino. Il signor Lorenzo, affetto da varie patologie aggravate dal Covid contratto in ospedale a Rimini, è morto martedì mattina, la moglie Letizia è morta 12 ore dopo, in una clinica. “Purtroppo a 12 ore di distanza se n’è andata anche la mamma di Giorgio, Letizia una grande donna, ma soprattutto una mamma, una nonna e una bisnonna. Avete lasciato un grande vuoto, ma voi continuerete a vivere nei nostri cuori, sempre!”, il messaggio lasciato sulla pagina Facebook del ristorante Cristallo di Riccione del figlio della coppia.

I funerali insieme – Venerdì marito e moglie sono tornati in chiesa per il funerale, insieme come nel giorno del loro matrimonio. Lorenzo e Letizia a Riccione erano conosciuti anche per aver collaborato per alcuni anni con il figlio Giorgio nel suo ristorante davanti a piazzale Ceccarini. È proprio il figlio a raccontare al quotidiano la storia dei suoi genitori: “Mio padre era stato ricoverato una quindicina di giorni fa al Cervesi di Cattolica, ma risultava negativo al coronavirus mentre si curava per i suoi svariati acciacchi, ha però contratto il virus e, trasferito all’Infermi di Rimini, in due giorni se n’è andato per sempre. Mia mamma si trovava invece nella clinica Montanari di Morciano, dov’era stata ricoverata perché affetta da Alzheimer in uno stato avanzato. Era entrata in clinica qualche giorno prima che mio padre andasse in ospedale”.

“Anche nella malattia sono rimasti a casa insieme, uno accanto all’altro” – “I miei genitori avevano una grande fede – ha ricordato ancora Giorgio – frequentavano la parrocchia di San Martino. Quando fu costruita, mio padre diede il suo contributo economico e si prestò pure come muratore. Insieme, diverse volte, sono andati in vacanza anche con don Giorgio Dell’Ospedale, che è stato parroco dei Ss. Angeli Custodi fino alla sua scomparsa avvenuta due mesi e mezzo fa per coronavirus. Anche nella malattia sono rimasti a casa insieme, nella stessa camera, uno accanto all’altro”.

Articolo PrecedenteGrugliasco: sbranata dai cinque cani lupo cecoslovacchi della figlia, muore donna di 74 anni
Prossimo ArticoloSchianto in A4, Marta muore a 27 anni: stava tornando a Padova per le vacanze di Natale
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.