“L’Ue ha limitato acquisti del vaccino Pfizer per non danneggiare Sanofi”, le accuse di Spiegel

0
“L’Ue ha limitato acquisti del vaccino Pfizer per non danneggiare Sanofi”, le accuse di Spiegel.

“L’Ue ha limitato acquisti del vaccino Pfizer per non danneggiare Sanofi”, le accuse di Spiegel. Sui Vaccini covid l’Ue sembra aver puntato su quelli sbagliati e le dosi potrebbero essere insufficienti. Secondo il settimanale tedesco Der Spiegel in questa decisione non ha contato solo la necessità dell’Ue di riservarsi tutte le possibilità future sul vaccino covid ma soprattutto considerazioni di origini politiche.

Dall’estate scorsa la Commissione europea ha deciso di intervenire massicciamente nel mercato dei vaccini covid siglando numerosi contratti con tutte le principali case farmaceutiche impegnate nello sviluppo di vaccini contro il coronavirus tuttavia, nonostante la potenza economica messa in campo, oggi anche con i primi via libera dell’Ema, tutta l’Ue si vede ancora costretta fare i conti con una mancanza consistente di dosi necessarie per ottenere una immunità di gregge. In pratica l’Ue pare abbia puntato sui vaccini sbagliati al contrario degli Usa dove invece le dosi degli unici vaccini già pronti in occidente, quello Pfizer e di Moderna, sono state acuistate in massa.

“L’Ue ha rinunciato ad altre dosi del vaccino Pfizer”
Secondo il settimanale tedesco Der Spiegel in questa decisione non ha contato solo la necessità dell’Ue di riservarsi tutte le possibilità future sul vaccino covid ma soprattutto considerazioni di origine politiche. In particolare per il giornale tedesco, l’Ue avrebbe rinunciato ad acquistare ulteriori dosi dei due vaccini più promettenti, sotto la pressione del governo francese, per non svantaggiare Sanofi, il gigante farmaceutico francese alle prese con lo sviluppo di un altro vaccino che però tarderà ad arrivare.

Comissione Ue: “Selezionati i vaccini covid più promettenti”

Una ricostruzione rigettata con forza da Bruxelles secondo cui nelle trattative sono stati selezionati i vaccini più promettenti e avanzati. Dalla commissione Ue non nascondono le difficoltà avute con alcuni attori del mercato. In particolare alcune aziende avrebbero avuto problemi a condurre negoziati simultanei con vari governi in tutto il mondo. Fonti di Bruxelles hanno affermato che non sarebbe stato possibile ottenere molto di più, rivelando che i negoziati in particolare sono stati difficili con BioNTech Pfizer.

BioNTech aveva offerto molte più dosi del vaccino Pfizer
Proprio da BioNTech però rivelano che all’Ue erano state offerte fino a 500 milioni di dosi del vaccino Pfizer ma dalla commissione vi sarebbe stato rifiuto per una simile quantità. L’UE si è assicurata solo 200 milioni di dosi da BioNTech, con un’opzione per altri 100 milioni che saranno prodotte in seguito. Fonti interne hanno confermato al giornale che  simili trattative sono emerse anche con il produttore statunitense Moderna,l’altro vaccino covid con efficacia al 95 percento. L’Ue infatti ha ordinato solo 80 milioni di dosi di questo vaccino e ha un’opzione per altri 80 milioni. Al contrario sono state sono state opzionate 300 milioni di dosi dalla società francese Sanofi.

L’Ue punta sul vaccino Astrazeneca
In realtà l’Ue fin dall’inizio ha puntato molto sul vaccino Astrazeneca realizzato a Oxford con l’acquisto di oltre 400 milioni di dosi. Il problema è che il vaccino ha avuto prima una interruzione durante i test e poi si è rivelato non efficace come gli altri. Si tratta del vaccino sul quale ha anche spuntato il prezzo migliore, 1,78 euro per ciascuna dose rispetto ai 14,68 euro per quello della statunitense Moderna e ai 12 euro di quello Pfizer-BioNTech, secodno i numeri rivelati dal segretario di Stato belga per il bilancioDe Bleeker.

Articolo PrecedenteLa crisi di governo è più lontana, Italia Viva canta vittoria: “Conte ha ceduto sulla governance”
Prossimo ArticoloPaderno, paura sulla superstrada: autocisterna piena di gasolio si ribalta, traffico in tilt
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.