L’ozono elimina il coronavirus: lo dimostra uno studio israeliano

0
L’ozono elimina il coronavirus: lo dimostra uno studio israeliano.

L’ozono elimina il coronavirus: lo dimostra uno studio israeliano. La prova scientifica dell’efficacia dell’ozono nella sanificazione di superfici e ambienti da Sars-Cov-2 arriva dai ricercatori dell’Università di Tel Aviv che hanno verificato il potere neutralizzante di questo disinfettante gassoso contro Sars-Cov-2.

La sanificazione di superfici e ambienti con l’ozono è efficace anche contro il coronavirus Sars-Cov-2. Lo dimostrano i risultati di un nuovo studio condotto dai ricercatori della Scuola di Ingegneria Meccanica dell’Università di Tel Aviv in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria dei Materiali dell’Azrieli College of Engineering di Gerusalemme e la Facoltà di Medicina dell’Università Bar Ilan di Safed, in Israele. Il lavoro ha fornito una prova scientifica dell’efficacia dell’ozono in diversi ambiti della disinfezione, colmando la mancanza di test specifici contro Sars-Cov-2. Una lacuna determinata dalla difficoltà di lavorare direttamente con il virus, dal momento che la manipolazione di questo microrganismo richiede laboratori con livello di biosicurezza 3 o superiore. Per superare questa limitazione, gli studiosi hanno utilizzato pseudovirus di Sars-Cov-2, ovvero delle particelle virali simili al patogeno ma non infettive frequentemente impiegate nello sviluppo di vaccini e in saggi di neutralizzazione, il cui utilizzo come modello negli studi di disinfezione, tuttavia, non era mai stato tentato.

L’ozono è efficace contro il coronavirus
Questo approccio, descritto nel dettaglio nello studio pubblicato su Environmental Chemistry Letters, ha permesso ai ricercatori di valutare l’efficacia dell’ozono su sei diversi materiali comunemente utilizzati per le superfici (vetro, acciaio inossidabile, rame, ottone, lega di alluminio e nichel). “Sono stati scelti in base alla loro abbondanza sulle superfici di uso comune – spiegano gli autori dello studio – . Il nichel e il rame, ad esempio, sono utilizzati nei dispositivi elettrici. L’ottone è un materiale molto utilizzato per decorazioni, strumenti musicali e gioielli. L’acciaio inossidabile è spesso utilizzato in elettrodomestici da cucina, stoviglie e ascensori, comprese porte e pannelli. Anche il vetro e le leghe di alluminio sono materiali di uso comune”.

I ricercatori hanno dunque valutato l’effetto dell’ozono esponendo ciascuna delle superfici contaminate da pseudovirus a diverse concentrazioni di ozono e valutato la sua efficacia igienizzante a seconda del tempo di esposizione. “Abbiamo dimostrato che l’ozono neutralizza il virus in un’ampia gamma di concentrazioni e tempi di esposizione, con una diminuzione carica virale del 99% dopo 30 minuti di esposizione a 1000 ppmv – indicano i ricercatori – . Il materiale ha avuto un effetto notevole sulla disinfezione, con superfici in vetro, acciaio inossidabile e leghe di alluminio che hanno risposto meglio alla disinfezione rispetto alle altre superfici (nichel, rame e ottone)”.

Oltre a ciò, per dimostrate il vantaggio di questo disinfettante gassoso rispetto ai prodotti chimici liquidi, i ricercatori hanno anche testato l’efficacia dell’ozono su superfici difficili da raggiungere, con una percentuale di successo statistica superiore al 90%.

“Il suo vantaggio rispetto ai comuni disinfettanti (come alcool e candeggina) è la sua capacità di disinfettare oggetti e aerosol all’interno di una stanza e non solo le superfici esposte, rapidamente e senza pericolo per la salute pubblica – ha sottolineato la dott.ssa Ines Zucker della Scuola di Ingegneria Meccanica dell’Università di Tel Aviv e prima autrice dello studio – . Poiché il gas può essere prodotto in modo relativamente economico e semplice dall’ossigeno gassoso mediante scarica elettrica, dovrebbe essere possibile introdurre sistemi di disinfezione con ozono su scala industriale per combattere l’epidemia di COVID-19”.

Articolo PrecedenteTreviso, si getta dal ponte con figlio di un anno e mezzo: lei muore, il bimbo si salva
Prossimo ArticoloPerché potevamo trovare il Covid in Italia già a gennaio 2020, e non l’abbiamo fatto
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.