Lorena, futura pediatra strangolata dal compagno: “Dramma della convivenza forzata”

0

Lorena. “Avevano sottolineato il rischio che la convivenza forzata potesse acuire i conflitti”, così sul femminicidio di Messina, Salvatore Cuzzocrea, rettore dell’Università di Messina, dove Lorena Quaranta studiava prima di essere strangolata dal compagno infermiere, Antonio De Pace. Tra i due mai una una lite in pubblico, mai un gesto scomposto. Nessuno degli amici aveva notato alcuna violenza, fisica o verbale.

“In questo periodo di emergenza sanitaria, esperti di settore avevano sottolineato il rischio che la convivenza forzata potesse acuire i conflitti”, così sul femminicidio di Messina, Salvatore Cuzzocrea, rettore dell’Università di Messina, dove Lorena Quaranta studiava prima di essere strangolata dal compagno infermiere. Lorena, 27 anni, originaria di Favara, era in procinto di laurearsi in medicina con il progetto di specializzarsi in pediatria.

A un passo dalla laurea
La sua morte, avvenuta per mando del fidanzato Antonio De Pace, anche lui studente al primo anno di Odontoiatria, ha turbato l’ambiente accademico messinese. “Siamo sconvolti dalla morte di Lorena  – dicono i colleghi in un messaggio – dolce e gentile che condivideva con noi sogni e sacrifici di chi si prepara a diventare un medico. Si sarebbe laureata quest’anno con una tesi in Pediatria e l’amore verso i bambini del reparto era lo stesso per il prossimo, sempre col sorriso e la gioia negli occhi”. “La sua vita è stata portata via con un gesto terribile, infame e codardo che ha stroncato il suo futuro, tanto avrebbe dato alla nostra società”.

Si era trasferita per amore
Originaria di Favara, Lorena aveva accettato di trasferirsi a Furci per amore del fidanzato, originario di Vibo Valentia, a cui, come infermiere nel progetto ATI era stata assegnata quella zona. Si erano conosciuti fra i corridoi del Policlinico dove Lorena praticava il tirocinio degli ultimi mesi. Tra i due mai una una lite in pubblico, mai un gesto scomposto. Nessuno degli amici aveva notato alcuna violenza, fisica o verbale.

 

 

 

Articolo PrecedenteDramma in casa a Firenze, spara alla moglie 97enne col fucile e si uccide
Prossimo ArticoloOmicidio-suicidio in quarantena: uccide moglie, figliolette e il cane. Poi si suicida
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.