L’intelligenza artificiale di Duplex, l’assistente di Google che parlerà al vostro posto

0

La conversazione sembrerà del tutto vera, ma al di là del telefono c’è un utente virtuale. Ecco il nuovo Duplex di Google Assistant, ancora in fase sperimentale

Conversare con dispositivi digitali è la frontiera tecnologica del nuovo millennio, da Siri a Cortana, da Alexa a Wavenet. Ma da Google Assistant arriverà presto un nuovo strumento ancora più sofisticato per parlare col computer come se fosse una persona. Si tratta di Duplex, un’intelligenza artificiale, già testata, che chiamerà e parlerà al vostro posto, svolgendo semplici compiti come fissare appuntamenti. Questo sistema di intelligenza artificiale consentirà all’utilizzatore di interagire con un’altra persona, anche se virtuale (da qui il nome Duplex), in una conversazione spontanea che risulta a tutti gli effetti realistica. E Duplex svolgerà semplici compiti, come prenotazioni nei locali, spesso in quasi completa autonomia, senza necessità dell’intervento umano. Ecco come.

Un test è già stato fatto da Google, ma il primo esperimento con un piccolo gruppo di persone che interagiranno avverrà quest’estate. Dal primo test, le conversazioni sembrano del tutto naturali, dato che la voce virtuale è spontanea e il parlato include interiezioni, pause dubitative (come “uh” – l’equivalente del nostro “eh” o “oh” – e il dubitativo “umm”) e richieste di ripetere alcune informazioni, proprio come avviene fra due persone che parlano al telefono.

Per ottenere questi risultati, gli sviluppatori hanno migliorato la capacità del sistema di comprendere le richieste, di interagire, di scegliere i tempi giusti (la coordinazione, ovvero la capacità di inserire pause e rispondere a tono quando necessario) e il linguaggio.

Ed alcuni si chiedono se questa tecnologia supererà anche il test di Turing, un’ipotesi possibile secondo diverse testate. Sviluppato dal matematico Alan Turing negli anni ’50, il test serve per capire se una macchina è in grado di pensare. Nell’articolo a firma del grande scienziato, dal titolo Computing machinery and intelligence e pubblicato nel 1950, viene descritto questo gioco: ci sono 3 persone, un uomo (A), una donna (B) e una terza persona (C) che deve indovinare il sesso dei due individui A e B senza sentire la voce e con una serie di indizi di cui alcuni falsi e altri veri. Il test si effettua sostituendo una macchina al posto di A ed osservando se la risposte di C e la percentuale di volte in cui indovina non varia dopo la sostituzione con la macchina, che in tal caso può essere considerata intelligente. Turing aveva stabilito che il test sarebbe stato superato quando i computer avessero convinto il 30% dei partecipanti al gioco e questo sembrava essere avvenuto nel 2014, grazie al chatterbot Eugene Goostman, in un esperimento condotto presso la Royal Society di Londra, anche se rimane qualche dubbio sulla sua riuscita. E lo stesso risultato si potrebbe avere nel caso di Duplex.

Durante la presentazione di Google è stata fatta ascoltare ai partecipanti una breve registrazione di una possibile conversazione fra un operatore umano, che si trova in una sala in un negozio di parrucchiere (P), e il sistema Duplex (D):

(P) “Ciao, come posso esserti utile?”, chiede la voce registrata del commesso del parrucchiere; (D) “Ciao, chiamo per prenotare un taglio di capelli per una cliente”, risponde Duplex, “sto pensando a martedì 3 maggio”; (P) “Perfetto, dammi un secondo”; (D) “Mm-hmm”; (P) “Perfetto, per quale orario pensavi?”, (D) “Alle 12 p.m.”

Qui nel video si può trovare la prosecuzione della conversazione registrata con la presa di accordi e la prenotazione dell’appuntamento.

 

Ma com’è possibile? A spiegare le tecnologie alla base di questo complesso sistema di intelligenza artificiale è proprio Google in un articolo sul blog dedicato alle Ai. Intanto, Duplex è una forma di intelligenza artificialebasata su una rete neurale, ovvero un modello costituito da neuroni artificiali che riproducono l’attività delle connessioni neurali reali, quelle proprie dell’essere umano. Per ottenere la conversazione naturale è stato necessario un training, un vero e proprio addestramento del modello, guidato alla comprensione e all’applicazione delle regole di una conversazione reale, fornita in maniera anonima. Nel training, il modello è stato guidato mediante la tecnologia di riconoscimento vocale ed ha appreso alcune caratteristiche e parametri del dialogo, quali i servizi desiderati, ovvero la seduta dal parrucchiere o la cena a ristorante, ed i tempi, come l’orario in cui avviene la conversazione e l’orario della prenotazione.

Il sistema ha inoltre una capacità di auto-monitoraggio, ovvero riconosce quando non è in grado di concludere un’attività da solo, per cui deve ricorrere ad un intervento esterno: in questi casi, segnala l’azione da svolgere ad un operatore umano, che provvederà a completare il compito, come è avvenuto nella telefonata al parrucchiere.

La tecnologia è ancora un esperimento, anche se potrebbe essere disponibile in un futuro non lontano, con vantaggi sia per l’utente sia per il lavoratore, spiega Google, consentendo di risparmiare tempo (prenotazioni rapide) e evitare incomprensioni, come ad esempio dimenticanze dell’utente di un appuntamento prenotato.

Ma Google Assistant non si ferma e già ora ha incluso avanzamenti importanti: ad esempio ha incluso sei nuove opzioni vocali, ovvero voci diverse, sia maschili che femminili, con accento americano, di cui una più dolce ed una più profonda e graffiante. Insomma, il futuro delle conversazioni virtuali è già arrivato.

Articolo PrecedenteFacebook studia la sua blockchain: cosa ci farà Zuckerberg
Prossimo ArticoloNadia Toffa, incubo senza fine: niente Amici né Le Iene, «debilitata dalle cure»
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.