L’intelligenza artificiale a caccia di Et

0

Nelle esplosioni cosmiche cerca anomalie, spia di segnali artificiali

L’intelligenza artificiale si mette in cerca di Et: è un’idea del programma Breakthrough Listen, nato nell’ambito del progetto Seti per la ricerca sulle intelligenze extraterrestri, e punta ad analizzare in modo più efficiente i segnali radio prodotti dalle grandi esplosioni cosmiche in cerca di anomalie che potrebbero avere un’origine artificiale. Descritto sull’Astrophysical Journal, il progetto è coordinato da Andrew Siemion, direttore del Seti. Il banco di prova del sistema di intelligenza artificiale in ascolto di Et è stata l’analisi dei segnali radio provenienti dalla sorgente chiamata FRB 121102, che si trova in una galassia distante circa 3 miliardi di anni luce dalla Terra.

I lampi radio veloci (fast radio burst, Frb) sono impulsi radio che durano millesimi di secondo, generati in galassie molto lontane e la cui sorgente non è chiara.

I ricercatori si sono concentrati sulla sorgente FRB 121102 perché è molto particolare: è una delle poche a generare questi segnali periodicamente; per la maggior parte li produce solo una volta. Il sistema di intelligenza artificiale ha analizzato i segnali provenienti da questa fonte nell’arco di cinque ore,registrati  il 26 agosto 2017 dal Green Bank Telescope, in West Virginia.

Il sistema ha individuato in questo modo 71 nuovi eventi, portando a 300 il numero dei segnali registrati complessivamente da questa fonte dal 2012. Si è visto inoltre che i segnali vengono prodotti in modo irregolare e che la sorgente alterna periodi di quiescenza a periodi di attività frenetica.

Secondo Siemion, l’analisi potrebbe finalmente rivelare l’origine di questi segnali. Anche se si scoprisse che “non sono la firma di una tecnologia extraterrestre, il progetto Breakthrough Listen avrebbe comunque gettato le basi di una nuova area di ricerca” che applica l’intelligenza artificiale alla radioastronomia e “che aiuterà a comprendere l’universo”.

Articolo PrecedenteGaenswein, pedofilia è 11/9 della Chiesa
Prossimo ArticoloGoverno blinda il Milleproroghe, arriva la prima fiducia. Pd occupa l’Aula
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.