Lavinia, in stato vegetativo dopo essere stata investita all’asilo: processo a rischio prescrizione

0
Lavinia, in stato vegetativo dopo essere stata investita all’asilo

Lavinia, in stato vegetativo dopo essere stata investita all’asilo. La piccola Lavinia è stata investita quattro anni fa davanti all’asilo che frequentava. Da allora è in stato neurovegetativo. La mamma, Lara, ha scritto su Facebook: “Nulla di ciò che ha nel fisico e di ciò che quella macchina le ha distrutto nella testa andrà prescritto. La sua fine pena è ‘mai’, il nostro Amore in compenso è per sempre. Quando e se accadrà che il processo finirà con la prescrizione, niente potrà mai togliere le responsabilità di chi poteva e doveva evitare questa tragedia”.

Un’automobile l’ha investita nel parcheggio dell’asilo nido che frequentava a Velletri, provincia di Roma. Lavinia aveva neanche un anno e mezzo quando è stata travolta quasi quattro anni fa. E da allora è in stato neurovegetativo. Dopo un lungo periodo passato in ospedale, è riuscita a tornare a casa dalla mamme e dal papà, ma niente è più stato come prima. Ora, però, le cose potrebbero andare ancora peggio, perché il processo rischia di cadere in prescrizione. Una maestra è stata accusata di abbandono di minori e la donna al volante della macchina è finita a processo per lesioni gravissime. L’udienza è stata rinviata al 20 marzo 2022 e, spiega l’avvocato della famiglia, “il rischio della prescrizione è reale: l’istruttoria avrà inizio a quasi quattro anni dal fatto ed è prevedibile che vengano ascoltati oltre trenta testimoni, con una possibile dilatazione dei tempi che potrebbe addirittura impedire al giudice di emettere una sentenza”.

L’incidente che ha cambiato la vita alla piccola Lavinia
La mattina dell’incidente la mamma lasciò piccola Lavinia al personale scolastico. Secondo la versione della famiglia, la maestra l’avrebbe affidata a una bambina di dieci anni e la piccola si ritrovò dopo pochi minuti a gattonare nel parcheggio della scuola. Là è stata investita dalla Bmw guidata da un’altra mamma. Lo scontro provocò purtroppo lesioni gravissime: “Incosciente, cieca, sostanzialmente sorda e immobile, attaccata a un respiratore tramite stomia tracheale e alimentata via peg. Oltre a 1000 altri problemi”, scriveva due anni fa il papà su Facebook. “Lavinia passa 18 ore dormendo, a volte la sistemiamo nella sua sedia per farla stara con noi, in cucina o in salone, per farla stare con noi”.

La mamma: “La sua fine pena è mai, il nostro amore è per sempre”
La mamma di Lavinia, Lara, ha scritto su Facebook che per sua figlia “nulla di ciò che ha nel fisico e di ciò che quella macchina le ha distrutto nella testa andrà prescritto. La sua fine pena è ‘mai’, il nostro Amore in compenso è per sempre. Quando e se accadrà che il processo finirà con la prescrizione, niente potrà mai togliere le responsabilità di chi poteva e doveva evitare questa tragedia: sicuramente non per me, per suo padre, per i suoi fratelli, per i nonni o per Lavinia’. Una cosa è sicura: lotteremo in tutte le sedi per avere giustizia e anche per far sì che non le sia negato il diritto ad una assistenza infermieristica adeguata”. Secondo la signora Lara le risorse per l’assistenza ci sono, “ma sembra che la cooperativa che opera per conto dell’Asl Roma 6, non sia in grado di reperire il personale infermieristico, assorbito tramite contratti più remunerativi nel settore pubblico”.

 

Articolo PrecedenteReggio Calabria, sposato da 3 giorni picchia la moglie per i costi del matrimonio: “Hai speso troppo”
Prossimo ArticoloNo Green Pass, denunciato il poliziotto ripreso mentre colpisce un manifestante a terra
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.