L’assistente virtuale di Google non cercherà di ingannare gli esseri umani

0

Dopo le critiche, Google ha deciso di modificare il funzionamento di Duplex: nelle conversazioni dichiarerà di essere un robot

Duplex è in grado di prenotare un tavolo al ristorante, con una voce molto simile a quella umana. Presentato alla conferenza degli sviluppatori di Google lo scorso maggio, si tratta di un assistente virtuale in grado di riprodurre la vocalità umana. Il software interagisce con negozi e attività, per sostituire l’utente in azioni quotidiane come prenotare un taglio di capelli o ordinare la pizza. Grazie all’intelligenza artificiale riesce ad interagire con facilità con l’interlocutore che, molto probabilmente non potrebbe accorgersi che sta parlando con un’entità artificiale e non con un essere umano. Per questo motivo, questa funzionalità del sistema operativo Android ha subito ricevuto numerose critiche, sia per le implicazioni etiche, sia per la violazione della privacy degli interlocutori, che non sanno che stanno parlando con un’intelligenza artificiale e soprattutto non sanno che verranno registrati.  La vera novità però, è che Duplex inizierà a identificarsi come un’AI. In un evento per presentare le modifiche al software, Google ha rivelato il nuovo assistente virtuale, che interagirà con frasi come: «Ciao sono Google assistant, sto chiamando per una prenotazione a nome del mio cliente. Questa telefonata verrà registrata».  E prima di lanciare la nuova funzionalità, Mountain View ha deciso di testare il software (negli Stati Uniti) con un gruppo di utenti selezionati e aziende, che hanno dato la disponibilità a ricevere chiamate da Duplex. Nella prima fase, Duplex contatterà le attività per chiedere informazioni come orari di apertura e chiusura. Una seconda fase inizierà alla fine dell’estate: gli utenti potranno utilizzarlo per prenotare o fare domande più specifiche.

 

Articolo PrecedenteDi Maio: “Decreto Dignità è Waterloo del precariato”
Prossimo ArticoloIl Pentagono usa l’intelligenza artificiale di Google per i suoi droni
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.