Lala, ragazza bresciana di 26 anni, uccisa in casa a Manchester

0

Lala Kamara, 26 anni, nata in Senegal ma cresciuta a Calcinato, nella provincia di Brescia, è stata uccisa in casa a Manchester, in Inghilterra, dove viveva da tre anni. Due ventenni sono stati fermati dalle autorità inglesi: sarebbero coinvolti nell’omicidio della 26enne, sulle cui motivazioni si continua ad indagare.

La comunità di Ponte San Marco, frazione di Calcinato, nella provincia di Brescia, è sconvolta per la morte di Lala Kamara, 26 anni, uccisa sabato scorso nella sua abitazione a Manchester, in Inghilterra, dove viveva ormai da circa tre anni. È stata la coinquilina a trovare il cadavere e a dare l’allarme: i soccorritori, però, non hanno potuto fare altro che constatare la morte di Lala. La 26enne, di origine senegalese ma residente da molti anni a Ponte San Marco con i genitori e i fratelli, tre anni fa si era trasferita in Inghilterra. Dopo aver svolto diversi lavori di vario tipo, lunedì avrebbe dovuto iniziare a lavorare come infermiera presso un istituto di Manchester dove era stata assunta dopo aver vinto un concorso.

Fermati due ragazzi: avrebbero ucciso Lala
Le autorità inglesi hanno fermato due ragazzi di 21 e 25 anni, anche loro senegalesi, da quanto si apprende: sarebbero implicati nel delitto di Lala Kamara. Gli inquirenti stanno cercando di capire la dinamica e le motivazioni dietro l’omicidio della giovane. Intanto, la famiglia della 26enne, informata domenica della tragedia, è volata in Inghilterra. La salma resterà a disposizione degli inquirenti ancora qualche giorno, poi sarà restituita ai familiari, che potranno così procedere con i funerali: le esequie si terranno sabato mattina a Lonato, in un edificio in via Molini, con una veglia che si protrarrà fino al pomeriggio. Su Instagram il fratello maggiore di Lala, il 27enne Ibra, ha scritto: “Repose en paix, petite soeur”. La ragazza lascia anche un fratellino di cinque anni.

Articolo PrecedenteAscoli Piceno: il papà picchia la mamma, la figlia minore si chiude in bagno e chiama il 112
Prossimo ArticoloAgrigento. Fa prostituire in un ovile la figlia di 13 anni: mamma arrestata insieme a 5 persone
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.