La storia del medico che dopo 7 mesi in ospedale col Covid rinuncia alla pensione e torna in corsia

0
La storia del medico che dopo 7 mesi in ospedale col Covid rinuncia alla pensione e torna in corsia.

La storia del medico che dopo 7 mesi in ospedale col Covid rinuncia alla pensione e torna in corsia. Annibale Cassano, 67 anni, è un medico di Castellaneta (Taranto) che nel marzo del 2020 ha contratto il Covid-19 in ospedale. Per mesi ha combattuto contro il Coronavirus, finendo anche in coma per tre giorni. Ma quando finalmente è guarito, ha scelto di continuare a lavorare rinunciando alla pensione.

Si chiama Annibale Cassano, ha 67 anni, ed è un medico che dopo aver contratto il Covid e aver combattuto per oltre sette mesi contro questo virus, una volta guarito ha deciso di rinunciare alla pensione e di tornare a fare il suo lavoro in corsia. Arriva da Castellaneta, nella provincia di Taranto, la storia del dottor Cassano e a raccontarla è il quotidiano Repubblica. A Castellaneta Annibale Cassano è conosciuto come il “Sindaco del centro storico”, perché nel paese è nato e cresciuto e lì è stato anche candidato alla carica di primo cittadino. Dopo 30 anni di servizio e di attività come responsabile dell’Osservazione breve dell’ospedale San Pio, il dottore ha deciso che non è ancora arrivato il momento di andare in pensione. Così ha firmato un contratto di altri tre anni con la Asl di Taranto. Nonostante il Covid che negli ultimi mesi ha combattuto in prima persona. Contagiato il 27 marzo dello scorso anno in ospedale, il medico è stato anche in coma per tre giorni e per un mese e mezzo ha vissuto tra la rianimazione e gli altri reparti dell’ospedale Moscati. Per i successivi sei mesi poi è stato impegnato nella riabilitazione nel centro Osmairm di Laterza. Alla fine ce l’ha fatta, è guarito, e ha deciso di non fermarsi il primo febbraio, quando avrebbe avuto diritto alla pensione.

“Sono stato uno dei primi infettati e casi gravi” – “Ho lavorato nei primi dieci anni della mia carriera nella clinica medica dell’unità pancreas del Sant’Orsola di Bologna. C’erano le prime macchine per l’ecografia e acquisii tanta esperienza che poi ho potato qui a Castellaneta. Ora continuo a fare questo, in ospedale mi hanno dato un ambulatorio e faccio ecografie ai pazienti interni, non Covid, alla struttura”, le parole del dottore al quotidiano. “Non finirò mai di ringraziare i medici e tutto il personale dell’ospedale Moscati e del centro di riabilitazione Osmairm – ha raccontato ancora -. Sono professionisti eccellenti e non lo dico solo perché sono guarito. Quando sei medico, se pur paziente, capisci molte cose di come il medico risponde alle richieste di aiuto del malato. Sono stato uno dei primi infettati e casi gravi, in un momento in cui non c’erano ancora le terapie e l’esperienza di oggi, dopo un anno di pandemia. Me la sono vista davvero brutta, è stata una battaglia difficile, ma sono ancora qui a dare una mano”.

Articolo PrecedenteFeste in casa, barbecue, clienti all’interno di locali chiusi: decine di sanzioni a Milano
Prossimo ArticoloUccide figlio di 3 anni e fa a pezzi la madre, Giulia Stanganini deve rispondere di due omicidi
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.