La pandemia a Panarea, lontani dall’incubo Covid: la storia di Michela e Massimo

0
La pandemia a Panarea, lontani dall’incubo Covid.

La pandemia a Panarea, lontani dall’incubo Covid. Una coppia di Torino ha deciso di trascorrere il periodo della pandemia nella propria casa al mare a Panarea. Qui, raccontano, non c’è l’incubo del contagio. Riescono a trascorrere pomeriggi normali e a uscire senza grandi paure. “Ci mancano i nostri cari, ma li rivedremo quando tutto questo sarà finito”.

Un anno di pandemia trascorso a Panarea, dove il contagio è solo una notizia del TG. Questa è la storia di due torinesi, Massimo, di 66 anni, e Michela di 55. I due hanno deciso di trascorrere la pandemia nella loro casa sul male, nell’arcipelago siciliano delle isole Eolie. All’Agi hanno raccontato di aver deciso di non muoversi per ora dalla loro casa al mare. “Abbiamo vissuto in libertà dai primi di giugno – ha raccontato Michela – e non vogliamo andarcene per ora. Ci mancano i nostri cari, ma aspettiamo che le cose si sistemino”.

La donna ha dichiarato che il loro arrivo sull’isola non è stato subito preso bene. Gli abitanti hanno quasi difeso il territorio da possibili nemici in arrivo. Poi, però, si sono abituati alla coppia che era appena sbarcata e li hanno trattati da allora come residenti di vecchia data. “Si tratta di circa 300 persone – racconta Michela – e sono rimasta colpita dal fatto che abbiano difeso l’isola in quel modo. Non eravamo noi il problema, ovviamente: anche uno di loro che andava e tornava da Milazzo veniva percepito come un pericolo e si guarda con sospetto gli sconosciuti che approdavano. Poi però si sono dimenticati di tutto e il Covid è diventato tra loro un argomento di discussione marginale”.

Altre 20 persone circa hanno fatto la stessa scelta di Michela e Massimo. Con alcune la coppia ha stabilito dei rapporti di amicizia. “Ci frequentiamo con un gruppo di sei, siamo diventati come una famiglia. Le nostre giornate le scandisce il tempo: ci sono estati improvvise e dei momenti in cui possiamo prendere il sole in terrazza o addirittura stare in spiaggia. Oppure facciamo un’escursione. Qui il riscaldamento neanche si accende: si usano i camini col freddo” racconta ancora la donna. A Panarea c’è un farmacista una volta alla settimana e c’è un medico di base. Il giornalaio neppure è presente: Michela e Massimo si informano con radio, tv e cellulari. I due casi positivi registrati nei mesi scorsi sono stati due operai che sbarcati sull’isola e isolati con un test fatto immediatamente.

Articolo Precedente“Vi sto infastidendo, questo è il mio ultimo post”: TikToker muore a 18 anni
Prossimo ArticoloReggio Emilia: lo schiaffeggia e poi lo getta di peso nel fiume, il video è scioccante
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.