La nuova scoperta degli ispettori Oms a Wuhan: in Cina 12 ceppi covid già nel 2019

0
La nuova scoperta degli ispettori Oms a Wuhan: in Cina 12 ceppi covid già nel 2019.

La nuova scoperta degli ispettori Oms a Wuhan: in Cina 12 ceppi covid già nel 2019. La pandemia da coronavirus dilagava in Cina già nel 2019, è la conclusione a cui sono arrivati gli ispettori dell’Organizzazione mondiale della sanità dopo la missione a Wuhan. Un elemento chiave per stabilirlo il fatto che dagli esami sui campioni raccolti all’epoca a Wuhan sono risultati essere presenti già oltre una dozzina di ceppi di coronavirus diversi, indizio che il virus ha circolato e avuto molto tempo per differenziarsi.

La pandemia da coronavirus dilagava in Cina già nel corso del 2019 ma nessuno si accorse di nulla, è la conclusione a cui sono arrivati gli ispettori dell’Organizzazione mondiale della sanità dopo la missione a Wuhan, la città considerata l’epicentro dell’epidemia cinese e l’origine della pandemia mondiale. A rivelarlo è stato Peter Ben Embarek, l’ispettore a capo della missione dell’OMS. Secondo l’esperto, infatti, dai primi accertamenti sul posto, sono emersi chiari segni che l’epidemia era molto più ampia a Wuhan nel dicembre 2019 di quanto si pensasse in precedenza e questo fa ipotizzare che la pandemia fosse già dilagante nei mesi precedenti del 2019.

Oltre un dozzina di ceppi covid a Wuhan già nel 2019
Un elemento chiave per stabilirlo il fatto che dagli esami sui campioni raccolti all’epoca a Wuhan sono risultati essere presenti già oltre una dozzina di ceppi di coronavirus diversi, indizio che il virus ha circolato e avuto molto tempo per differenziarsi. Questo è stato possibile perché le nuove scoperte scientifiche sul virus hanno permesso di esaminare anche campioni parziali. Questi risultati hanno spinto l’Oms a chiedere di poter analizzare altri campioni raccolti all’epoca per arrivare a risultati più concreti

Il paziente zero non aveva mai viaggiato

Del resto lo stesso paziente zero identificato dalle autorità cinesi l’8 dicembre ha raccontato agli ispettori di non aver mai viaggiato nei mesi precedenti ai sintomi covid, indizio che in realtà l’infezione circolava già da tempo.  “Non ha alcun legame con i mercati. Abbiamo anche parlato con lui. Ha una vita molto noiosa e normale in un certo senso, niente escursioni in montagna niente viaggi. Era un impiegato in un’azienda privata” ha detto Ben Embarek.

Il coronavirus circolava da tempo a Wuhan
Secondo i dati forniti dai cinesi, nel dicembre del 2019 sono stati identificati soltanto 174 casi di coronavirus a Wuhan e dintorni ma per l’Oms in realtà potrebbero essere stati migliaia. Anche se Embarek ha rifiutato di trarre conclusioni su ciò che i 13 ceppi possono voler dire, la scoperta conferma le ipotesi di molti altri scienziati secondo cui il virus circolava da molto più tempo e che quindi poteva essere fermato prima che dilagasse in tutta la Cina e poi nel Mondo.

Oms vuole analizzare campioni di sangue dei donatori di wuhan
Le prove potrebbero arrivare migliaia di campioni dalla banca dei donatori di sangue di Wuhan. Il team dell’OMS infatti spera di tornare a Wuhan nei mesi successivi per continuare le indagini anche se per ora non c’è nessun viaggio confermato. “Ci sono circa 200.000 campioni disponibili che ora sono protetti e potrebbero essere utilizzati per una nuova serie di studi”, ha spigato Ben Embarek, aggiungendo “Sarebbe fantastico se potessimo lavorare anche con quelli”

Articolo PrecedenteCovid, Draghi pensa al modello tedesco: quali sono misure in Germania e cosa potrebbe fare governo
Prossimo ArticoloButhan, il piccolo regno con un solo decesso per Covid-19: come ha sconfitto l’epidemia
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.