La morte del piccolo Antonio Giglio a Caivano non ha un colpevole: assolti la madre e il compagno

0
La morte del piccolo Antonio Giglio a Caivano non ha un colpevole

La morte del piccolo Antonio Giglio a Caivano non ha un colpevole: assolti la madre e il compagno. Gli orrori del Parco Verde di Caivano: Marianna Fabozzi e Raimondo Caputo, già condannati per l’omicidio della piccola Fortuna Loffredo, sono stati assolti nel processo sulla morte di Antonio Giglio, figlio della Fabozzi, morto il 28 aprile 2013 anche lui cadendo dalla finestra di un palazzo nel parco dell’hinterland a Nord di Napoli.

Per la morte del piccolo Antonio Giglio,  che il 28 aprile 2013 è precipitato dalla finestra di un palazzo nel Parco Verde a Caivano non c’è nessun colpevole. La seconda Corte di Assise di Napoli (presidente Cristiano) ha assolto, per non avere commesso il fatto, Marianna Fabozzi, madre del bimbo di 4 anni, accusata di omicidio volontario e il compagno della donna, Raimondo Caputo, accusato di favoreggiamento. Fabozzi e Caputo sono stati già condannati, in via definitiva, per la morte della piccola Fortuna Loffredo, la bimba violentata e lanciata nel vuoto, nello stesso complesso residenziale, il 24 giugno 2014, un anno e due mesi dopo la morte di Antonio.

L’accusa contro Fabozzi e Caputo
Ad accusare la Fabozzi dell’omicidio di suo figlio fu la sorella di Caputo, detto “Titò” che, ai carabinieri, riferì di averla vista compiere il gesto attraverso uno degli specchi che c’erano nel corridoio di casa dell’imputata. La difesa di Caputo fu contraddittoria: dapprima smentì che la sorella si trovasse in casa quel tragico giorno e poi, il 9 giugno 2016, durante un interrogatorio reso mentre era detenuto nel carcere di Poggioreale (questo è avvenuto durante il processo sulla morte di Fortuna, ndr.) tornò sorprendentemente sui suoi passi circa la presenza della sorella in casa. Per questo motivo gli è stato contestato il reato di favoreggiamento.

Secondo Marianna Fabozzi, Antonio cadde dopo essersi sporto dalla finestra per vedere un elicottero. Circostanza sulla quale ha cercato di fare luce l’avvocato Sergio Pisani, legale di Gennaro Giglio, padre del piccolo Antonio, il quale chiese l’accertamento al giudice che invece si pronuncio’ contro questa istanza.

 

Articolo PrecedenteGiallo di Ivo Rabanser, avvocato del fratello: “Arrivato di notte, lo ha accoltellato senza parlare”
Prossimo ArticoloAnziana uccisa, i due killer hanno speso i quaranta euro di bottino in birre
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.