Iva ed euro, le idee del nuovo ministro dell’economia

0
IGNAZIO VISCO GOVERNATORE BANCA D'ITALIA GIOVANNI TRIA DOCENTE

in un recente articolo Tria mostrava un atteggiamento critico nei confronti dell’Eurozona e in particolare della Germania. E per finanziare la flat tax, si può aumentare l’Iva, perché l’Europa e l’Ocse raccomandano meno imposte dirette e più indirette

Quale sarà l’atteggiamento del nuovo ministro in pectore dell’economia, Giovanni Tria, nei confronti dell’euro? Secondo quanto riporta un’analisi dell’agenzia AGI, anche il preside della facoltá di Economia di Tor Vergata ha un atteggiamento critico nei confronti dell’Eurozona e in particolare della Germania. E in questo concorda con Paolo Savona, nella lista dei ministri del nuovo probabile governo anche lui ma per il dicastero degli affari europei.

“Non conviene” uscire dall’euro” ha detto in piú di un’occasione Tria, ma l’Europa deve essere cambiata. In un articolo apparso sul sito Formiche.it, il professore concordava con Savona e La Malfa circa “l’uscita della Germania dall’euro perchè il suo surplus della bilancia commerciale non è compatibile con il regime di cambi fissi che vige nell’Eurozona, o perlomeno accettare un passaggio ad un regime di cambi fissi aggiustabili.”Se un paese come la Germania” scriveva Tria, “mantiene per anni un surplus tra il 6 e l’8% del Pil senza che la sua valuta si apprezzi rispetto a quella di paesi in deficit, significa che questo strumento di riequilibrio economico di mercato è stato eliminato, e non che si è eliminata una policy sbagliata. Sostanzialmente questa è la situazione all’interno dell’eurozona”. Non si discute quindi, osservava Tria, “di ripescare una possibile politica furbesca dei paesi in deficit, ma del fatto che questo mezzo di riequilibrio di mercato oggi non c’è.

Ma se questo ‘prezzo’ non è in funzione, per un intervento di policy, perchè tale è la decisione della moneta unica, dovrebbe potersi usare qualche altro strumento di riequilibrio non di mercato, per esempio la politica fiscale. Ma anche questa ci è attualmente interdetta, anch’essa è vista in ogni circostanza come droga, e i contribuenti tedeschi non accettano una solidarietá fiscale”. “Peraltro, dal 2008 ci dicono che la risposta dovrebbe essere la deflazione interna, ma è evidente che questa c’è stata ma non ha funzionato, anche perchè promuovere la deflazione in paesi con alto debito, e non parliamo solo dell’Italia, è un evidente suicidio. Forse è ora di abbandonare molti tabú che hanno impedito, come rilevano La Malfa e Savona, almeno di analizzare i problemi e prepararsi a soluzioni alternative”, concludeva Tria.

Anticonvenzionale anche la posizione del ministro in pectore dell’Economia in matetria fiscale. In un altro suo recente scritto, Tria infatti si è dichiarato favorevole a far scattare le clausole di salvaguardia per finanziare la flat tax. Quindi aumento dell’Iva per abbassare le tasse: “Come ho sostenuto da oltre un decennio e non da solo, ritengo che in Italia si debba riequilibrare il peso relativo delle imposte dirette e di quelle indirette spostando gettito dalle prime alle seconde”, scriveva sempre su Formiche.it. Insomma una cosa non da poco. Per il professore si tratta di “una scelta di policy sostenuta da molto tempo anche dalle raccomandazioni europee e dell’Ocse perchè favorevole alla crescita e non si capisce perchè non si possa approfittare dell’introduzione di un sistema di flat tax per attuare un’operazione vantaggiosa nel
suo complesso”.

Articolo PrecedenteGoogle Pixel 3 in arrivo a settembre: tutto quello che sappiamo
Prossimo ArticoloTimothée Chalamet e Robert Pattinson per lo Shakespeare targato Netflix
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.