Iran, un ragazzo di 20 anni è stato decapitato dai suoi stessi familiari perché gay

0
Iran, un ragazzo di 20 anni è stato decapitato dai suoi stessi familiari perché gay.

Iran, un ragazzo di 20 anni è stato decapitato dai suoi stessi familiari perché gay. Alireza Fazeli-Monfared voleva fuggire dall’Iran per cercare rifugio in Turchia e incontrare il suo fidanzato. Il giovane è stato decapitato dal suo fratellastro e dai suoi cugini. La notizia è stata riportata dalla BBC, che cita alcuni registrazioni in cui il ragazzo ammetteva di aver paura dei suoi stessi familiari.

Un 20enne iraniano è stato brutalmente assassinato dai membri della sua stessa famiglia a causa del suo orientamento sessuale in un cosiddetto “delitto d’onore”. Alireza Fazeli-Monfared era uno ragazzo gay e aveva programmato di fuggire dall’Iran per cercare rifugio in Turchia e incontrare il suo fidanzato, ma sarebbe stato decapitato dal suo fratellastro e dai cugini. Come riporta IranWire, almeno tre persone sono state arrestate in relazione all’omicidio, avvenuto il 4 maggio vicino ad Ahvaz, la capitale della provincia del Khuzestan, nel Sud-Ovest del Paese. La BBC ha riferito di aver ricevuto registrazioni audio in cui si sente Alireza che ammette di essere preoccupato della reazione dei membri della sua famiglia e di stare pensando di lasciare il Paese.

Fazeli-Monfared aveva appena ricevuto un’esenzione dal servizio militare a causa delle sue “depravazioni sessuali“. Il documento è stato trovato dalla sua famiglia, che ha così saputo della sua omosessualità; un orientamento sessuale punibile con la morte in Iran. Il dramma di Alireza è stato raccontato dalla giornalista locale Masih Alinejad: “Alireza è stato decapitato dalla sua famiglia. Dopo averlo decapitato, la famiglia ha scaricato il corpo di questo povero ragazzo sotto un albero fuori dalla città di Ahwaz. Alireza stava per fuggire dall’Iran per raggiungere il suo ragazzo, che è un rifugiato e lo aspettava in Turchia. Attraverso le sue leggi omofobe, la propaganda anti-gay e le condanne per i delitti d’onore, la Repubblica islamica dell’Iran è responsabile di aver facilitato l’omicidio di innumerevoli membri della comunità LGBTQ in Iran. Questa comunità desidera ardentemente essere ascoltata dal mondo”.

“Martedì alle ore 19:00, Alireza ha avuto una conversazione telefonica con sua madre per l’ultima volta“, ha detto alla rivista IranWire Aghil Abyat, amico di Alireza. “A quel punto suo fratellastro, con il pretesto che suo padre voleva vederlo, lo ha fatto salire in macchina e portato fuori città. Non ci sono state più sue notizie fino a mercoledì scorso, quando il fratellastro di Alireza ha chiamato sua madre e le ha detto: ‘L’abbiamo finito’. In altre parole, ha confessato di aver ucciso Alireza. Hanno trovato il suo corpo sotto alcune palme. Ora è con il medico legale e sua madre è stata ricoverata in ospedale a causa dello shock“.

 

Articolo PrecedenteSezze, massacrano un uomo che finisce in coma: decine di testimoni non dicono nulla alla Polizia
Prossimo ArticoloLancia il cane dal balcone del secondo piano, poi aggredisce i poliziotti a Barra
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.